Northumberland National Park: Simoneside Hills e le pietre di Lordenshaws



Giorni fa, tanto per cambiare, parlavo con qualcuno di posti magici da vedere in Gran Bretagna. Se avete in mente un viaggio in Inghilterra, in qualsiasi stagione, il mio consiglio è quello di dedicare una giornata (almeno) al Northumberland National Park, una delle zone inglesi più belle, interessanti, selvagge e solitarie che abbia mai visto. Il Northumberland è quella regione che si trova nel nord-est dell'Inghilterra, appena sotto la Scozia. Non a caso è la zona, assieme alla Cumbria, dove impera il Vallo di Adriano

Fare trekking in Gran Bretagna

Era estate quando sono andata in Northumberland. Era giugno è ho fatto le foto che vedete in questo post. Lì l'estate è diversa da come la pensiamo noi ma regala ugualmente delle temperature piacevoli, molto adatte a chi ama camminare in mezzo alla brughiera senza rischiare di prendersi un'insolazione. La stagione che più si addice ad un viaggio in Northumberland è sicuramente questa, soprattutto nei mesi di Luglio e Agosto, quando l'erica è in fiore e il colore della brughiera è un qualcosa di indescrivibile. Il 12 agosto di ogni anno, nel Regno Unito, si apre la caccia: quel giorno è detto "the wonderful twelve" e richiama in molte parti della Gran Bretagna un sacco di persone. Che amiate la caccia oppure no, poco importan. Il Northumberland è il luogo giusto per passeggiare e sentirsi addosso quella splendida situazione di wilderness.



La volete sapere una cosa curiosa? Molta di quella che dovrebbe essere Scozia in film e telefilm è, in realtà, Northumberland. Ma non chiedetemi perché: le scelte delle produzioni cinematografiche o televisive sono spesso un mistero grande quanto il mondo. Uno dei luoghi più scenografici, magici e anche misteriosi di questa regione del nord dell'Inghilterra è, senza dubbio Simoneside Hills. Siamo proprio all'ingresso della zona del parco nazionale. Pensate che il Northumberland National Park e la Riserva di Kielder costituiscono la più grande area protetta della Gran Bretanga. Qui si possono ammirare ambienti naturali completamente spariti da altre parti dell'isola, così come specie animali autoctone e bellissime. Quello che più mi è rimasto impresso di questo luogo è la presenza dell'erica e di un altro arbusto chiamato gooseberry, che altro non è che l'uva spina. I suoi fiori gialli erano un qualcosa di increbilmente bello.



Torndando a Simoneside Hills, ci troviamo probabilmente in un luogo abitato fin da tempi molto antichi. Vi sembrerà di essere in chissà che montagna o che Glen mentre sarete circa a 400 metri d'altezza. I forti venti, tipici della zona, impediscono a qualsiasi cosa non sia un arbusto di venir su nel modo migliore. Sicché qui sembra di stare, per noi abituati ad Alpi e Dolomiti, in alta montagna data la mancanza di alberi. Simoneside sembra sia citata anche in uno dei più antichi poemi in lingua inglese antica: Beowulf. Scavi e studi hanno dimostrato la presenza umana in questo sito fin dall'età del ferro. Passando dalla storia alla leggenda, si dice che questa zona del Northumberland National Park sia popolata di nani un po' dispettosi che sembrano voler attaccare chiunque si avventuri a camminare sui sentieri che solcano le Hills. Quello che vi posso dire è che non ho trovato nani dispettosi ma sono, piuttosto, gli arbusti di uva spina ed erica ad attaccare le gambe degli escursionisti, graffiandole e pungendole (ora mi sorge il dubbio... e se fossero stati i nani!'). Non se consigliarvi i pantaloni lunghi o, come me, i bermuda... con qualche salvietta disinfettante con voi. 


Camminare su Simoneside Hills è facile
: ci sono percorsi adatti a tutti e, come è possibile in tutta la Gran Bretagna, potete camminare ovunque, aprire cancelli (per poi chiuderli), scavalcarli, solcare i prati... purché non roviniate nulla. La legge britannica concede il diritto di passaggio ovunque (se non diversamente indicato), a patto che ogni cosa venga lasciata come la si trova. Io, nel risalire la collina, ho preferito, a tratti, l'erba morbida del Northumberland che le pietre con cui era stato segnato il sentiero. Arrivare sulla cima di questa collina vi darà la possibilità di ammirare il paesaggio circostante e, se siete come me, di amarlo nel giro di un minuto. Solo da questa zona del Parco Nazionale si può avere una visuale a 360° capace di raccontare tutto, ma proprio tutto, di questa regione. 

sentieri inglesi

Ai piedi di Simoneside Hills c'è un ampio parcheggio gratuito dove lasciare l'auto, nel caso arriviate qui con un mezzo proprio. Partendo dal parcheggio e andando dal lato opposto rispetto Simoneside, troverete Lordenshaws: un'altra collina profondamente interessante dove camminerete in mezzo ad un sacco di pecore, se arrivate qui nella stagione giusta. Lordenshaws è la zona dove la testimonianza della vita delle popolazione della preistoria si fa più forte che mai. Qui si trovano, infatti, delle grandi pietre con particolari incisioni circolari. Ce ne sono alcune di davvero ben visibili e altre dove, a causa di pioggia e vento, i cerchi nella pietra si sono fatti più lievi. Si pensa che tutto ciò risalga all'Età del Ferro e gli archeologi ritengono che Lordenshaws fosse un antico assemblamento di vita e difesa militare. Si ritiene che molte pietre di quei prati siano simbolo di una necropoli.

Le pietre di Lordenshaws

La presenza del parcheggio gratuito tra Simoneside e Lordenshaws è sicuramente importante ma sappiate che, soprattutto d'estate, è possibile arrivare all'ingresso dei sentieri che vi ho raccontato con i mezzi pubblici. Il Northumberland è una regione dove il rispetto della natura è importante quando il respiro per noi esseri umani. A dire il vero, dovrebbe essere così in tutto il mondo, per qualsiasi angolo del nostro pianeta. Munitevi di acqua, panini e di tutto quello che avete bisogno nel villaggio di Rothbury, che si trova circa a 4 miglia dal parcheggio che vi ho indicato. Nei dintorni non c'è davvero nulla se non la natura... ed è proprio questo il bello di un luogo così. Troverete pub e comodità di ogni genere ad attendervi al ritorno dalla vostra passeggiata. Non c'è nulla di meglio che una pinta di real ale dopo aver camminato tra prati e brughiere, accompagnati solo dal rumore del vento.



Tutte le foto sono © Giovy Malfiori - riproduzione vietata

Questo articolo è stato scritto per Emotion Recollected In Tranquillity.
La riproduzione è vietata e l'originale si trova solo su Emotion Recollected In Tranquillity.

Nessun commento:

Posta un commento

Benvenuto in questo mondo fatto di viaggi e di emozioni.
Siamo tanto felici se ci lasci un commento!
Gli Anonimi non ci piacciano e se ci spammi ti scateniamo contro Torchwood

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...