Dove mangiare cozze e patatine a Bruxelles: Chez Léon

Dove mangiare Moules et frites a Bruxelles

Cosa c'è di meglio di un bel piatto di cozze e patatine fritte mentre si è in viaggio in Belgio? Nulla, direi. Soprattutto se moules et frites sono servite in quella che è la più antica "friterie" del centro di Bruxelles: Chez Léon. Questo ristorante labirintico e estremamente operoso si trova a pochi passi dalla Grand Place e accoglie clienti di ogni tipo. Compresa la Regina Beatrice che proprio qui ama recarsi per gustare il piatto più belga di tutti



Chez Léon a Bruxelles

Se il Belgio potesse avere un piatto disegnato sulla propria bandiera, questo sarebbe sicuramente moules et frites, una pietanza che racconta molto del carattere del Belgio, così legato alla terra e al mare allo stesso tempo. La dimensione di questa nazione consente l'arrivo di cozze fresche in tutte le sue regioni, anche in quelle che - apparentemente - sembrano non avere nulla a che fare con il mare. Tempo fa vidi un documentario di una troupe francese che raccontava quanto Bruxelles possa essere considerata, in Europa, una delle città dell'entroterra con il pesce più fresco che si possa chiedere. Ogni viaggio in Belgio che vi faccia trascorrere a Bruxelles almeno un paio di giorni dovrebbe vedervi con le gambe sotto la tavola di una friterie che si rispetti. Il mio consiglio è quello di raggiungere (e prenotare, prima) Chez Léon e godersi il meglio che la città offre.

dove mangiare un piatto di cozze in Belgio

Chez Léon vanta oltre 400 posti a sedere e quando entrerete vi sembrerà di essere stati inghiottiti da un labirinto: tavoli e sedie sembrano spuntare ovunque, ci sono cucine a vista e kili e kili di cozze e patitine fritte che vengono serviti con una velocità e una mestria davvero unica. Unite quest'immagine ad un profumo di cibo buono e al calore che un luogo dall'immagine popolare può avere ed otterrete Chez Léon, un ristorante dove il portafoglio non piange e dove stomaco e gola gioiscono assieme allo spirito che si felicita di aver vissuto un'esperienza al 100% belga. Si dice, sappiatelo, che il primo piatto di cozze e patatine fritte mai fornato in tutto il Belgio, abbia visto la luce a Liegi nel 1875. Quello che posso dirvi con certezza è che Chez Léon ha aperto i battenti nel 1893 e da quel momento non ha mai smesso di deliziare chi passava in città per viaggio, lavoro o semplicemente perché la vita l'aveva accompagnato fino a lì.

Crocchette con i gamberi del mare del nord

Il menù di Chez Léon è consultabile online e vale la pena di leggerlo prima di arrivare lì, in modo da avere le idee chiare fin dal primo momento in cui vi siederete a tavola. Non dimenticate di ordinare un antipasto a base di crocchette; ve ne porteranno due: una con i gamberi del mare del nord e l'altra col formaggio. Divine! Passate poi alle cozze con le patatine. La versione più classica di moules et frites è quella detta anche "marinière": le cozze sono insaporite con del sedano (che ci sta proprio bene) e sono servite nel modo più semplice possibile, senza strani gusti che possano coprire il gusto dei molluschi. La porzione che vi verrà servita è abbondante mentre quella delle patatine è molto più piccola: non rimaneteci male perché il tutto è bilanciato alla perfezione. Come "accompagnamento" obbligatorio, chiedete della maionese faite-maison. Il tutto va innaffiato, infine, con dell'ottima birra della casa che, per me, è quello che ci vuole con un piatto così. La birra di Chez Léon è chiara, leggermente amara e beverina (in poche parole una Pils). Una notizia fondamentale per i viaggiatori gourmand o per tutti coloro che potranno fermarsi una domenica sera a Bruxelles: da Chez Léon si mangiano le cozze a volontà. Siete avvisati.




Cosa dirvi in più di un'esperienza così? A prima vista può sembrare "turistica" tanto quanto le cene che gli stranieri fanno in Italia a base di pizza e pasta col pesto (o chissà che altro piatto nazional-popolare). In realtà sono fermamente convinta che ci siano dei momenti attraverso i quali non si può non passare quando si è in viaggio: la prima birra da litro a Monaco, una porzione di Fish & Chips alle due di notte dopo un concerto a Bristol e Londra, le tapas in Spagna o chissà quante crepes quando si fa un viaggio in Bretagna. Moules et Frites è uno dei tanti modi di incontrare il Belgio... e di incontrarlo al meglio, attraverso un gusto che si è fatto simbolo di identità nazionale. Che c'è di male in cedere a tutto questo? Per me nulla e, se partissi di nuovo per Bruxelles, prenoterei subito il mio tavolo da Chez Léon, pronta a sentirmi un po' Poirot mentre racconta al suo amico Capitano Hastings quanto possa essere fantastica la tradizione gastronomica in Belgio. Voi non trovate che ciò sia bellissimo?



Tutte le foto sono © Giovy Malfiori - riproduzione vietata

Questo articolo è stato scritto per Emotion Recollected In Tranquillity.
La riproduzione è vietata e l'originale si trova solo su Emotion Recollected In Tranquillity.

1 commento:

  1. Bellissima Bruxelles e fantastico il piatto ! E la birra �� ci devo tornare !

    RispondiElimina

Benvenuto in questo mondo fatto di viaggi e di emozioni.
Siamo tanto felici se ci lasci un commento!
Gli Anonimi non ci piacciano e se ci spammi ti scateniamo contro Torchwood

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...