Dove dormire a Weimar

Dove dormire a Weimar


Un anno fa circa, io e Gian ci stavamo preparando per il nostro viaggio in treno verso Weimar e Bayreuth. La città della Turingia famosa per aver ospitato un sacco di gente dal cervello pazzescamente funzionante (Goethe e Schiller in primis, ma vi assicuro che sono davvero tanti) e, non a caso, molto vicina alla città universitaria di Jena è un piccolo grande gioiello da vedere prima o poi nella vita. In inverno è particolarmente suggestiva ma anche le altre stagioni rivestono un ruolo importante nella vita di questa città. Ok per la visita ma... dove dormire a Weimar? Ve lo racconto oggi, assieme a qualche motivo per visitare questa parte di Germania nel 2017.

Weimar, da sempre definita Kultur Stadt (anche durante gli anni della DDR. La Turingia era Germania Est), è uno di quei luoghi in cui ti portano in gita se vai a scuola in Germania. Culturalmente parlando potrebbe essere un po' come Firenze per noi italiani, con un po' meno arte ma con lo stesso alto livello di cultura e di grandi nomi che vi hanno vissuto. Per me è sempre stata una grande fissa, fin dai tempi del liceo. Se studi tedesco alle superiori (e ti piace molto) non puoi non sognare un viaggio che ti porti tra Weimar e Jena almeno per qualche giorno. Io e Gian siamo arrivati a Weimar in treno: il viaggio è lungo e, nella migliore delle ipotesi, prevede un cambio a Monaco ed un ultimo cambio a Naumburg, un po' più stretto fattibile, data la dimensione della stazione. Io sono riuscita a cambiare con un mega-zaino sulle spalle, un pc, una borsa e la neve per terra. Una delle mie migliori prove speciali su binario mai fatte nel mondo.


La città di Weimar è da sempre preparata ai visitatori, fin dai tempi antichi. Molte delle stube che si trovano nel centro città sono ancora delle ottime locande dove fermarsi e sentirsi, perché no, un letterato d'altri tempi in visita al grande Goethe. Trovare da dormire a Weimar non è, quindi, un problema. Ci sono sistemazioni per tutte le tasche e per tutte le situazioni. Il posto che vi consiglio come vostra "casa" in città è il Familienhotel Weimarun albergo aperto da poco più di un anno e mezzo, in perfetto centro e, soprattutto, adatto anche a tutte le famiglie in viaggio con bambini. Il Familienhotel Weimar è, per questa sua caratteristica, quasi un unicum in città: poche altre stutture sono attrezzate ad accogliere sia chi viaggi solo o in coppia che famiglie al completo.


Le stanze sono tutte attrezzate a mo' di residence. La nostra era piccolina ma funzionale e la presenza massiccia del legno (e del suo profumo) la rendeva molto accogliente. Avevamo la cucina, un piccolo tavolo e un terrazzo, oltre che ad un bel letto matrimoniale e un bagno di una buona grandezza. Piccola pecca, alla quale si può trovare una semplice soluzione, è che il wifi non è presente nelle camere ma solo nella hall e nella caffetteria, dove si fa colazione. Per il resto non ho davvero nulla da rimarcare. Non amo restare connessa a vita ma, durante quel viaggio, ne avevo particolarmente bisogno ed ho risolto prendendomi una gran buona tisana e occupando un tavolo della caffetteria. 


Il Familienhotel Weimar si trova in Seifengasse, praticamente un paio di porte di distanza dalla casa di Goethe e in posizione centralissima. La via è piccola e stretta ma i taxi possono passare, sicché non vi preoccupate se, al vostro arrivo, chiedete di essere portati lì in auto. Non passano bus o tram in prossimità dell'albergo ma le prime fermate sono a breve distanza percorribile a piedi. Il centro di Weimar è la vera anima di una città che ha davvero tanto da dire. Uno dei motivi speciali per visitarla nel 2017 è l'anniversario dei 500 anni dalla riforma di Lutero. Malgrado Wittemberg non sia proprio dietro l'angolo, Weimar ha giocato un ruolo fondamentale nel XVI Secolo nell'espansione della Riforma Protestante e fa parte, oggi, di quella che possiamo definire la Lutherweg, un itinerario che si snoda in una bella fetta di Germania, attraverso luoghi densi di storia e storie da scoprire. Il 2017 sarà un anno importate per la cultura e la storia tedesca. Un viaggio a Weimar, dove Lutero soggiornò, vi permetterà di scoprire qualcosa in più su quel periodo storico. 




Io non faccio testo ma tornerei a Weimar almeno una volta a stagione. La città, le sue vie, i suoi parchi, i palazzi e le biblioteche mi sanno dire così tanto anche con un semplice sguardo. Capisco che una sensazione così non sia poi così facile da comprendere o interpretare. Ho cercato di spiegarlo in un post scritto quasi un anno fa, di ritorno da quell'esperienza tedesca. Voi organizzate il viaggio a Weimar e viveve un po' dell'atmosfera speciale di questa città. Poi ne riparliamo.



Tutte le foto sono © Familienhotel Weimar e Giovy Malfiori - riproduzione vietata

Questo articolo è stato scritto per Emotion Recollected In Tranquillity.
La riproduzione è vietata e l'originale si trova solo su Emotion Recollected In Tranquillity.

Nessun commento:

Posta un commento

Benvenuto in questo mondo fatto di viaggi e di emozioni.
Siamo tanto felici se ci lasci un commento!
Gli Anonimi non ci piacciano e se ci spammi ti scateniamo contro Torchwood

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...