Saint Paul e il Minnesota dei Peanuts

I peanuts a Saint Paul
Piperita Patty a Saint Paul - © Giovy

Il viaggio in Minnesota di luglio mi ha ricordato una cosa importante: non bisognerebbe mai perdere la capacità di stupirsi e di emozionarsi come dei bimbi, qualsiasi sia la meraviglia che abbiamo davanti agli occhi. Può essere un tramonto visto dal balcone di casa oppure il sugo che ha los stesso gusto di quello della nonna. Oppure ancora quando si palesa davanti agli occhi uno dei personaggi che hanno popolato la nostra infanzia. Nel mio caso mi sono emozionata fino alle lacrime quando a Rovaniemi ho incontrato Babbo Natale (e avevo 24 anni) e quando, proprio meno di un paio di mesi fa, a Saint Paul incontrai Piperita Patty dei Peanuts.


Charles Schulz è l'unico disegnatore che mi abbia mai appassionata. Non sono mai stata una tipa da fumetti e uno dei miei fratelli possedeva parecchie cose legate ai Peanuts. Ricordo ancora le lenzuola del mio letto di bimba, quando andavo all'asilo. Ne avevo una serie proprio di Snoopy ed io le adoravo. Crescendo le cose non sono cambiate e, ancora oggi, Charlie Brown e soci sono per cosa sacra. Shame on me all'ennesima potenza, quindi, quando sono approdata a Minneapolis senza ricordarmi che Schulz nacque e crebbe proprio da quelle parti. Vide la luce a Minneapolis ma divenne grande (e divenne Charlie Brown) proprio nella gemella Saint Paul.





Sono arrivata a Saint Paul in un mattino che prometteva pioggia e vento, rivelandosi poi il giorno più umido di sempre. Mi avevano già parlato del fatto che, nei parchi pubblici della città, sono sparse le statue dei Peanuts in onore di Schulz. Il museo con tutti i cimeli del disegnatore americano è a Santa Rosa in California ma il suo Mid-West non si è certo dimenticato di lui, così come lui del Minnesota, presente in tutte le storie dei Peanuts. Ho trovato un blog americano che ha messo assieme tutto il percorso per trovare le statue bronzee dei Peanuts e per poter lanciarsi alla grande scoperta dell'universo di Charlie Brown. Non so voi, ma io non ho mai trovato il personaggio che mi rappresentasse più di altri perché, dentro di me, ci sono un po' tanti Peanuts. Tra tutti, però, ho sempre avuto una certa simpatia per Patty e tutti i disastri che combinava. La mia seconda preferita è Sally, la sorella di Charlie, che spesso parla con le mura della scuola. Così come, ogni tanto, faccio io con i luoghi in cui sono.

Marci - © Giovy
Dentro i disegni di Charles Schulz c'è puramente il Mid-West: i campi di zucca, le zone residenziali tra verde e midtown, l'inverno che arriva sempre inesorabile. Ragionavo proprio su questo un paio di giorni fa mentre leggevo una vignetta postata sulla pagina facebook ufficiale del Museo Schulz.



L'inverno cammina... così immagino la stagione fredda in Minnesota, quella stagione che vorrei vivere on the road nel viaggio fino a Fargo. Tornando ai Peanuts, seguire l'itinerario che vi porterà alla scoperta delle statue può costituire una sorta di fil rouge per ammirare una città che ho visto per troppe poche ore ma che ha saputo dirmi molte cose di sé.

Charles Schulz e Saint Paul sono davvero due elementi da mettere assieme per tornare un po' bimbi e ritrovare l'emozione e la felicità di quando si vede un proprio idolo per la prima volta. Viviamo in un'epoca in cui è facile trovare ovunque notizie di personaggio famosi e non. La rete ci restituisce a suon di conati qualsiasi tipo di informazione, anche quando non richiesta. Per me vedere la statua di Patty è stata un'emozione dal valore antico: mai avrei pensato (sperato) di incontrarla. Ora sono in casa e guardo il poster dei Peanuts (originale degli anni '80) che fa bella mostra di sé in salotto. Schulz è morto, Snoopy con lui ma la cosa è bella è che i Peanuts, così come il ricordo del loro creatore, saranno sempre là ad aspettarci, oltre l'Oceano... in quei due luoghi chiamati Minnesota e California.

Vi lascio con la più grande verità zen di sempre, uscita dalla bocca di Patty... e di chi sennò! Giusto per non preoccuparsi troppo ossessivamente del domani e dei giorni che verranno.
Sto pensando sempre di più a tornare in Minnesota proprio per ritrovare quell'America che ho sempre letto in compagnia dei Peanuts.



 Questo articolo è stato scritto per Emotion Recollected In Tranquillity.
La riproduzione è vietata e l'originale si trova solo su Emotion Recollected In Tranquillity.

2 commenti:

  1. Che bell'articolo Giovy e quanti bei ricordi con i fumetti di Charlie Brown😝...un mito anche x me 😘

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara la mia Lindauz,
      che bello leggerti qui!

      Elimina

Benvenuto in questo mondo fatto di viaggi e di emozioni.
Siamo tanto felici se ci lasci un commento!
Gli Anonimi non ci piacciano e se ci spammi ti scateniamo contro Torchwood

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...