Viaggio in Gran Bretagna: i mercati sono i tuoi migliori amici

I mercati in Inghilterra


Siete anche voi dell'opinione che viaggio, in qualche modo, faccia rima con mercato? Dentro la mia testa è assolutamente così e sono pienamente convinta che non sia necessario fare il giro del mondo per trovare un mercato interessante. Ho adorato i chiassosi punti di scambio del Senegal, così come i colori di quelli visti in Sud America. Quelli che mi hanno sorpreso un po' di più, forse perché inaspettati e mai immaginati, sono stati i mercati inglesi. Eh già! La cara vecchia Inghilterra sa stupire anche in fatto di piazze, bancherelle e cibo da assaggiare. Non ci credete?


Perché i mercati inglesi dovrebbero essere i vostri migliori amici in viaggio?
Semplice: perché si mangia bene e si risparmia un sacco. Si possono fare grandi affari tenendo gli occhi aperti mentre si ammira la merce esposta sui banchi, soprattutto quando si parla di cose da mangiare. Io e Gian abbiamo avuto una gran bella esperienza a Salisbury, dove il mercato "standard" si svolge di martedì e di sabato, dal mattino presto al primo pomeriggio. Uscendo leggermente di tema, vi posso dire che settembre, per me, è uno dei migliori mesi per visitare la Gran Bretagna e il mercato di Salisbury, in quel mese, è ancora un trionfo di piccole grandi bontà estive.




Non credo sia necessario dirvelo ma, proprio come in Italia, i mercati si svolgono nelle piazze principali del paese. Si trova il meglio della gastronomia popolare inglese: dalla normale frutta e verdura (ad un ottimo prezzo) al pane (specialissimo), fino ad arrivare alle take-away pie e alle Cornish pasty, delizia da far venire l'acquolina in bocca a chiunque nella sua vita ha provato almeno un po' di fame. Tutte queste bontà sono davvero acquistabili a prezzi contenuti e la qualità è spesso superiore di quella che ci si immagina.

A Salisbury io e Gian abbiamo approfittato del mercato per acquistare il pranzo che ci saremmo portati in visita all'Old Sarum, la zona in cui si trovava il vecchio castello in cui Giovanni senza Terra discusse e firmò la Magna Carta. Con poche sterline (5£ in tutto circa) abbiamo acquistato due Cornish pasty, artigianali e ben ripiene, e delle banane da portare con noi nello zaino. Le pasty contenevano un ripieno di carne e verdure ed erano sufficientemente grandi per sfamare un adulto in modo soddisfacente. Pesi e misure in Gran Bretagna sono diverse dalle nostre e la frutta, di solito, si compra a "bowl", ovvero una sorta di terrina che contiene un dato peso in frutta. 




Visitare un mercato in Gran Bretagna è un bel modo per aprire gli occhi su una grande realtà: anche nel Regno Unito si mangia bene senza spendere un occhio della testa. Dimenticate il budget che di solito spendete a Londra! Il resto della Gran Bretagna è molto più alla portata di tutti, in tutti i sensi. Anche parlando di gusto. Il viaggio dovrebbe proprio insegnarci la bellezza dell'arte della sperimentazione, attività che ci aiuta a smantellare i nostri pregiudizi nei confronti di un luogo e del suo cibo. Mangiare diversamente non equivale a dire che si mangia male




Quali sono i migliori mercati da visitare in Gran Bretagna?
Per esperienza personale vi consiglio quello di Salisbury (le foto che vedete in questo post sono fatte lì) e quello di Keswick, uno dei luoghi del mio cuore in quel della Cumbria, la regione in cui si trova il Lake District. Da non perdere sono anche i mercati di Leicester, dove potrete toccare con mano e osservare con i vostri occhi la bellezza della multiculturalità inglese, e il Saint Nicholas di Bristol, altra città dove il concetto di meltin pot è un qualcosa di eccezionale. I mercati londinesi meritano un post dedicato e spero di poterlo scrivere prima. Se, invece, viaggiate verso il nord dell'Inghilterra, perdetevi in alcuni paesini dello Yorkshire come Skipton o Catterick. 



Last but not least... Non dimenticate che, in giro per i mercati inglesi o britannici, si sono spesso anche dei signori Food Truck. Provare per credere... e date una possibilità alla gastronomia britannica!




Questo articolo è stato scritto per Emotion Recollected In Tranquillity.
La riproduzione è vietata e l'originale si trova solo su Emotion Recollected In Tranquillity

2 commenti:

  1. Amo tutto della Gran Bretagna...come potrei non amarne i "food markets"??? E concordo in pieno con te quando dici che "mangiare cose diverse, non significa per forza mangiare male!". Anzi!!! Per me significa invece assaggiare il sapore di una terra...e uscire dalla routine anche gastronomica! Dopo tanti viaggi fra Scozia e Inghilterra, guai al primo che mi dice ancora che il cibo britannico è terribile!!! Basta saper scegliere e aprirsi a sapori nuovi... E finiamola con i pregiudizi e i luoghi comuni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava Ilaria!
      Finiamola con i pregiuzi. Tutti in UK!! :)

      Elimina

Benvenuto in questo mondo fatto di viaggi e di emozioni.
Siamo tanto felici se ci lasci un commento!
Gli Anonimi non ci piacciano e se ci spammi ti scateniamo contro Torchwood

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...