I Grigioni tra il Reno e Heidi

Viaggio sulle location di Heidi

Avevo messo in bozza questo post settimane fa e poi l'ho lasciato lì a maturare. Fino a ieri mattina, direi, quando ho visto per puro caso il trailer del nuovo film su Heidi. Vi devo confessare una cosa: io sono una che quando vede Heidi piange per la nostalgia verso la Svizzera (dove ho vissuto quasi 8 anni) e verso un mondo che sento battere forte dentro al mio cuore. I Grigioni, il Cantone Svizzero dove si svolge la vicenda di Heidi e dove l'ultimo film è stato, ovviamente, girato, è una delizia per gli occhi e per l'anima. Ecco perché oggi vi porto in viaggio tra Splügen a Maienfeld, allungando il passo verso il Liechtenstein. Già che ci siamo.


Il Canton Grigioni iniziava a poco più di un'ora di auto dalla mia casa ticinese. Ne ho parlato spesso sul blog, non ve lo nascondo, perché andare verso quella parte di Svizzera per me ha sempre voluto dire, in primis, una cosa: me ne andavo a cercare un po' di pace. Interiore o esteriore non importa: per me i Grigioni sono sempre stati il Cantone dello "spazio per me". Si tratta di una nazione (i cantoni sono vere e proprie nazioni) molto grande, la più grande della Svizzera se non erro, con tante anime e molta genuinità.

Se volete fare un viaggio nella terra di Heidi, la vostra prima meta da raggiungere è la galleria del San Bernardino, passata la quale vi ritroverete in un mondo speciale. A fare da cornice alla strada che vi racconterò ci sono ovviamente le Alpi, il versante svizzero di quei monti che la Svizzera condivide, in quel punto, con l'Alta Lombardia e Valtellina. Lì, tanto tempo fa, i Romani tracciarono una via per valicare le Alpi, tracciato che ancora oggi porta il nome di Via Spluga e che si può percorrere per fare dell'ottimo trekking esplorativo della zona.

Lasciandoci il San Bernardino alle spalle e spostandoci verso nord in direzione Coira, cominceremo a vedere al nostro fianco un torrente impetuoso e con una spettacolare tonalità d'azzurro: quello è il Reno, che nasce proprio nei Grigioni da due differenti fonti e che diventa un unico fiume poco prima di Coira. Il Reno è stato capace, nell'arco di migliaia di anni, di scavare delle gole meravigliose nel granito delle Alpi. che si possono ammirare tra Sufers e Thusis. Se passate di lì non dimenticatevi di fermarvi alla Rofflaschlucht. Fidatevi... E già che ci siete, un salto alle terme di Andeer non ve lo toglie nessuno.

Il versante sinistro della valle in cui vi trovate ora è occupata dal Parco Naturale di Beverin, zona dove si sono svolte molte delle riprese del recente film su Heidi. Questa è la Svizzera che più io amo perché è fatta di gente di montagna e di villaggi abitati da migliaia di anni. Ci sono poi i gusti del cibo locale, ci sono i sorrisi, il sole che illumina montagne alte quasi fino a 3000 metri. Ci sono i prati, le chiese antiche e c'è il Reno. Tutto quello che io potrei chiedere da un breve viaggio in Svizzera.

Non c'è viaggio all'insegna di Heidi che non finisca a Maienfeld, paesino che si trova sulla riva destra del Reno, non appena iniziato quel pizzico di pianura che anche in Svizzera si può trovare. A Maienfeld molto, se non tutto, parla di Heidi e della sua creatrice: la scrittrice Johanna Spyri. Anni fa lessi il libro e ne fui contenta, malgrado quel pizzico di tristezza che mi ha lasciato nel cuore. Maienfeld è una destinazione perfetta per le famiglie con bimbi, sia per i pargoli che potranno divertirsi ad intrerpretare Heidi e Peter ma soprattutto per tutte quelle mamme che, come me, sono cresciute a pane e cartoni animati giapponesi. Quando andai a Maienfeld per la prima volta ero più esaltata io di tutti i bimbi svizzeri che potevo avere attorno.

I Grigioni sono per me l'essenza pura della Svizzera più autentica e mai mi stancherò di dirlo. La valle scavata dal Reno è densa di sorprese, come i vigneti che crescono sul versante destro della valle. Credetemi, provate uno dei vini che vengono prodotti in quelle zone e dimenticherete per sempre il binomio Svizzera = Birra. E già che ci siete, da Maienfeld allungate il passo ancora un po' verso Nord, giusto per quei quasi 22 kilometri che dividono la terra di Heidi dal Liechtenstein. Vaduz e dintorni non hanno troppo da vedere ma vale la pena fare un salto in uno dei principati più conosciuti d'Europa, no? Sappiate anche che, dal Liechtenstein, potete lanciarvi alla scoperta della vicinissima regione del Lago di Costanza... con un solo biglietto dei mezzi pubblici.
Ma questa, signori miei, è un'altra bellissima storia.


Questo articolo è stato scritto per Emotion Recollected In Tranquillity.
La riproduzione è vietata e l'originale si trova solo su Emotion Recollected In Tranquillity.

Nessun commento:

Posta un commento

Benvenuto in questo mondo fatto di viaggi e di emozioni.
Siamo tanto felici se ci lasci un commento!
Gli Anonimi non ci piacciano e se ci spammi ti scateniamo contro Torchwood

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...