Il Canada che vorrei

Viaggio in Canada


E poi ti svegli che fuori è ancora buio, ti fai su nella tua felpa grigia, quella che porti in ogni viaggio e che per è te è un po' come la coperta di Linus. Il caffé può aspettare, il mondo può aspettare perché adesso ti metti a scrivere di cose di viaggio, di luoghi da vedere e di posti che sogni da una vita.
Del resto, fuori, la notte avvolge ancora tutto ed essa è per antonomasia il momento dei sogni da vivere, per poi raccontarli mentre il sapore di tea e biscotti ti invade e tu rispensi alle frasi messe giù ad cazzum (come direbbe qualcuno) in questo momento e ti chiedi "ma davvero ho messo la parola antonomasia nel post che parla del viaggio in Canada che vorrei?


Vi è mai capitato di sognare fortemente un viaggio?
Io sì e mi sono resa conto da qualche mese che raccontare ciò che spero per me stessa mi fa bene e fa bene a quel che spero di fare. Questo perché tra un sogno e un progetto c'è una sola differenza: una data per definirlo.
Io, per ora, una data non ce l'ho perché c'è tanta vita in mezzo ancora da mettere a posto ma so che il Canada è là e non si muove. So anche che ci sono tanti nuovi voli dall'Italia verso Toronto, Montréal e Vancouver e so che prima o poi il mio passaporto tornerà ad avere un bel timbro con la foglia d'acero rossa.
Già, tornerà perché io in Canada ci sono già stata.
Sono andata a Toronto un millennio fa e la sapete un'altra cosa? 
Mi ricordo tutto come se fosse ieri e tornerei in quella splendida città del Canada per riprendere i miei ricordi dal punto in cui si erano fermati e metterci dentro la nuova me, quella di 37 anni e che ha, ancora come allora, tanta voglia di scrivere e raccontare i suoi passi per il mondo.

Il Canada che vorrei richiederebbe un viaggio lungo ma, come ho già detto per il mio itinerario ideale negli Stati Uniti, sognare non costa nulla... e allora mettiamolo nero su bianco questo viaggio così sognato!

La prima cosa che mi viene da dire è che mi piacerebbe approdare a Montréal e ripartire da Vancouver. Così un bel coast-to-coast, magari usando anche il treno, non ce lo toglie nessuno.
Un qualcosa che metterei in questo nuovo viaggio canadese è quel pizzico di consapevolezza gastronomica in più che ora mi porto sempre nelle zaino.
Non esisterebbe di ripartire da là senza aver assaggiato la mitica poutine, solitamente tipica del Québec, ma assaporata alla grande anche nel resto del Canada.
Si tratta di un modo particolare di gustare le patatine fritte e può essere considerata - a furor di popolo - il vero street food made in Canada.

Non esisterebbe viaggio in Canada senza un pizzico di hockey su ghiaccio perché da quelle parti sanno davvero come si gioca e sanno regalare meraviglia anche a chi non capisce molto di quello sport così veloce e poteten.
Il mio viaggio ideale in Canada richiederebbe dei gran momenti di wilderness, perché se non sei selvaggio in un posto come il Canada... dove mai lo puoi essere.
Vorrei svegliarmi in un lodge e fare a gare con i locali per indovinare il profumo di che albero c'è nell'aria o di chissà che fiore, nel caso fosse primavera.

Porterei con me la voglia di capire un paese così grande, con così poca densità e farei di tutto per girare le città più grandi, per redermi conto se è davvero come mi hanno raccontato e se la si vive davvero bene come dicono.
Andrei in cerca della storia, di quei retaggi di Inghilterra che sarei sicura di trovare.
Cercherei il modo di puntare verso il Nunavut, lo stato dove vivono ancora oggi gli Inuit, luogo che si può esplorare solo con la bella stagione e che richiede davvero una preparazione da Terre Estreme.

Chi lo sa? Forse sarei capace anche di imparare ad apprezzare lo sciroppo d'acero che - ve lo dico - non mi fa proprio impazzire ora come ora.
Tornerei dalla parte Canadese delle Cascate del Niagara per ripensare un po' a quella cartolina che vedevo sempre appesa in casa di mia nonna e poi farei carte false per salire su un treno d'epoca, di quelli che viaggiano attraverso le Rocky Mountains Canadesi e ti fanno sentire come dentro ad un film che parla di nuove terre da conquistare.

Questo è il Canada che gira dentro la mia testa.
E voi... avete mai pensato a come sarebbe il vostro viaggio in Canada?


Questo articolo è stato scritto per Emotion Recollected In Tranquillity.
La riproduzione è vietata e l'originale si trova solo su Emotion Recollected In Tranquillity.

2 commenti:

  1. dico che un pezzetto di Canada ce lo siamo raccontati... e che ti consiglio :) io ci ritornerei immediatamente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh già... e il tuo viaggio secondo me è stato meraviglioso!

      Elimina

Benvenuto in questo mondo fatto di viaggi e di emozioni.
Siamo tanto felici se ci lasci un commento!
Gli Anonimi non ci piacciano e se ci spammi ti scateniamo contro Torchwood

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...