Tempelhofer Freiheit: l'ex aeroporto di Berlino

Visitare Tempelhof Berlino
Landsurfer – © 2014 Gianluca Vecchi

Dei luoghi di Berlino che mi hanno colpito di più, l'ex aeroporto di Tempelhof è sicuramente uno dei primi della lista. Non solo è un vero e proprio monumento di grandissima importanza storica, ma è anche un singolare parco pubblico frequentato da ogni genere di visitatore, dalla mamma con passeggino al landboarder con aquilone da trazione.


L'aeroporto di Tempelhof

Il Flughafen Berlin-Tempelhof [Aeroporto di Berlino-Tempelhof] è stato costruito negli anni '20 sopra un'area che fino ad allora era stata usata come piazza d'armi durante i giorni feriali e come parco pubblico nei fine settimana. Negli anni '30 il regime nazista lo ampliò fino a farlo diventare non solo un simbolo del Terzo Reich, ma anche uno dei migliori e più moderni aeroporti del mondo, oltre a essere il più grande costruito fino ad allora in Europa. Durante la Seconda Guerra Mondiale alcune migliaia di zwangsarbeiter [lavoratori forzati], cioè ebrei, prigionieri politici e stranieri provenienti dai territori occupati, hanno lavorato nell'industria bellica aeronautica dislocata in vari edifici di Tempelhof.

Kitesurf a Tempelhof Berlino
Candy Bomber – © 2014 Gianluca Vecchi

Bombardieri di caramelle

Tempelhof ha avuto un ruolo chiave durante la Guerra Fredda e il cosiddetto Blocco di Berlino. Com'è noto, dopo la fine dell'ultimo conflitto la Germania venne divisa in 4 zone controllate dai vincitori: Sovietici a est e il resto degli Alleati (Americani, Inglesi e Francesi) a ovest. Berlino, che si trovava interamente nella zona sovietica, venne spartita nello stesso modo. Nel giugno del 1948 i sovietici posero la città sotto assedio, tagliando energia elettrica e ogni via di rifornimento ai settori occupati dagli occidentali, con lo scopo di prenderne il controllo per logoramento. 

Gli USA decisero di allestire un ponte aereo per salvare la città dalla fame, e per quasi un anno velivoli americani (ma condotti anche da piloti di altre nazionalità) atterrarono giorno e notte a Berlino, scaricando carburante, cibo e materiale di sussistenza. Tempelhof fu la base operativa principale di tale missione, denominata in codice Operation Vittles [Operazione Vettovaglie]. Un pilota americano, prima di un atterraggio, paracadutò un pacchetto di caramelle per i bambini che stavano a terra a guardare gli aerei. Il gesto ebbe una risonanza mediatica tanto forte che il comandante delle operazioni ordinò che la cosa andasse avanti, e così i lanci di dolci divennero di routine.

Da allora i Berlinesi soprannominarono i velivoli del ponte aereo Rosinenbomber [Bombardieri di Uva Passa], tradotto in inglese come Candy Bomber [Bombardieri di Dolci]. Il blocco sovietico venne tolto nel maggio del 1949. Ancora oggi a Berlino si ricorda con molta gratitudine quell'operazione umanitaria: riconoscenza testimoniata dal Luftbrückendenkmal [Memoriale del Ponte Aereo], il monumento che si trova davanti all'ingresso dell'ex terminal.

Come raggiungere Templehof a Berlino
Bike Taxiing – © 2014 Gianluca Vecchi

Tempelhof oggi

Dopo un periodo di progressiva diminuzione del traffico, a favore degli altri due aeroporti di Berlino (Tegel e Schönefeld), nel 2008 Tempelhof venne definitivamente chiuso. Dopo essere stato usato per ospitare eventi di vario tipo, nel 2010 venne ufficialmente inaugurato come parco pubblico. Ora viene chiamato Tempelhofer Freiheit [Area Libera di Tempelhof] o Tempelhofer Feld [Campo di Tempelhof], e i suoi circa 300 ettari di superficie sono ritornati a disposizione del pubblico.

Come accennavo all'inizio, Tempelhof è stato davvero una scoperta sorprendente. Al mio arrivo sull'ex campo d'aviazione ho trovato una marea di persone dedite alle più svariate attività all'aperto. Aquilonisti, ciclisti, pattinatori, bambini con l'automobilina a pedali, e naturalmente "normali" visitatori che passeggiavano o prendevano il sole sdraiati sull'erba. Un vero spettacolo, amplificato da uno splendido pomeriggio di settembre che trasmetteva una forte sensazione di pace e tranquillità. Quasi inutile precisare l'educazione di tutti: che fossero pedoni o conduttori di qualche mezzo, si incrociavano l'uno con l'altro senza mai intralciarsi o urtarsi, quasi che il traffico fosse regolato da vigili urbani.

Tra le varie attività che si possono praticare al Tempelhofer Feld ci sono anche escursioni in Segway, corsi di kite surf, windsurf e skateboard. Per gli appassionati come me ricordo anche l'annuale festival aquilonistico. Sono predisposte apposite zone per i barbecue ed aree dedicate ai cani.

Tempelhof non è solo un campo d'aviazione, ma anche un complesso edilizio di notevole pregio architettonico che nello spirito e nello stile dell'efficienza tedesca (chi ha visitato la Germania sa cosa voglio dire) è stato ammodernato e riconvertito per altri usi. Nella sua struttura si possono infatti affittare uffici, magazzini, posti auto e spazi per eventi. Vi hanno sede diverse aziende pubbliche e private, come ad esempio l'amministrazione della polizia. E ovviamente sono possibili visite guidate per il pubblico.

Cosa fare a Templehof a Berlino
Point - © 2014 Gianluca Vecchi

Info per i visitatori

Il Tempelhofer Freiheit è ad ingresso libero ed è aperto solo di giorno. Gli orari sono variabili e dipendono dalla stagione: di regola apre all'alba e chiude al tramonto.

Al parco si entra da diversi ingressi situati lungo il suo perimetro: a ovest da Tempelhofer Damm (ingresso principale), a nord da Columbiadamm, a est da Oderstraße. Per accedere agli edifici dell'ex terminal si deve invece entrare dall'ingresso in Platz der Luftbrücke, a nord-ovest. Parco e terminal sono separati da una recinzione metallica. Se volete potete scaricare una pianta del complesso, con didascalie sia in tedesco che in inglese.

Data la carenza di parcheggi e il traffico intenso è preferibile arrivare usando il trasporto pubblico, molto efficiente (neanche a dirlo, essendo in Germania). Per comodità e velocità vi consiglio senz'altro la U-Bahn [metropolitana sotterranea], che vi consente diverse opzioni:

Linea U6 - fermata Tempelhof (vicino all'ingresso di Tempelhofer Damm).
Linea U6 - fermata Paradestraße (a metà strada tra l'ingresso in Tempelhofer Damm e quello del terminal).
Linea U6 - fermata Platz der Luftbrücke (vicino all'ingresso del terminal).
Linea U8 - fermata Leinestraße oppure Boddinstraße (vicino all'ingresso di Oderstraße).

Tempelhof è raggiunta anche dalla S-Bahn [metropolitana di superficie]: Linee S41, S42, S45, S46 - fermata Tempelhof (vicino all'ingresso di Tempelhofer Damm).

Se volete potete usare l'autobus:

Linee 140, 184, N6, N84 - fermata Tempelhof (vicino all'ingresso di Tempelhofer Damm).
Linea 104 - fermata Platz der Luftbrücke oppure Friesenstraße (vicino all'ingresso del terminal).
Linea 104 - fermata Golßenerstraße oppure Friedhöfe Columbiadamm (vicino all'ingresso in Columbiadamm).


Questo articolo è stato scritto per Emotion Recollected In Tranquillity.
La riproduzione è vietata e l'originale si trova solo su Emotion Recollected In Tranquillity.

Nessun commento:

Posta un commento

Benvenuto in questo mondo fatto di viaggi e di emozioni.
Siamo tanto felici se ci lasci un commento!
Gli Anonimi non ci piacciano e se ci spammi ti scateniamo contro Torchwood

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...