ABCiak: un contest per raccontare la Puglia

Viaggio in Puglia


Oggi vi proponiamo un'intervista per parlavi progetto interessante per raccontare la Puglia,  curato da una giornalista e videomaker molto competente, professionale e creativa: Lucrezia Argentiero. Parte importante, con Isa Grassano, del progetto "Amiche si parte!", Lucrezia si è occupata - negli ultimi mesi - della sua Puglia, una regione che io conosco a spizzichi e bocconi e che vorrei esplorare un po' più a fondo. 
ABCiak è un progetto interessante per chi ama raccontare il mondo con immagini e curiosità.

Giovy: Come in ogni storia si parte dall'inizio: che cos'è ABC della Puglia e perché nasce? 

Lucrezia: L’ABC della Puglia è un’associazione di promozione turistica che nasce con l’obiettivo di far vivere al viaggiatore una “vacanza con il cuore”. Un modo nuovo per scoprire questa terra autentica, non come un estraneo ma come un vero pugliese, a contatto con chi in Puglia ci sta 365 giorni l’anno.
L’ABC nasce da un mio desiderio e un mio bisogno. Sono nata a Ceglie Messapica in provincia di Brindisi. Poi ho spiccato il volo, complice il vento del mio paese che mi ha portato lontano, a Bologna, dove vivo da quasi trent’anni. Pur viaggiando il mondo per lavoro, non l’ho mai dimenticata,  l’ho sempre portata con me. Quest’anno sono riuscita a mettere a disposizione di tutti le mie competenze iniziando la valorizzazione e promuovendo le bellezze della mia terra.


G: Quanto sono importanti le immagini per raccontare un territorio? 

L: Le immagini sono emozioni, ricordi, racconti visivi, testimonianze
Sono gli occhi di chi ha viaggiato. Sono l’anima del fotografo. Con gli scatti di viaggio ci si immerge immediatamente nello spirito del luogo. Servono a stimolare la fantasia. Invogliano a fare la valigia stimolando la partenza. Il racconto visivo è il racconto di un popolo, di un luogo, di ‘un’esperienza unica” che viene realizzata attraverso una sequenza di fotografie che ha lo scopo di farci vivere un “viaggio” osservandole e raccontandoci qualcosa. 


G: ABC Ciak Festival: ci racconti che cos'è e a chi è dedicato? 

L: È un’idea innovativa per promuovere un territorio.

Un festival video itinerante per registi e filmmaker. La prima tappa è promossa dal Comune di Carovigno (Brindisi) e dall’Associazione di Promozione Turistica ABC della Puglia di Ceglie Messapica (Brindisi). A me piace definirlo un Festival al contrario!
I registi non mandano, per concorrere, come in tutti i contest, il loro video, ma concorrono inviando l’idea di come vorrebbero realizzarlo. 
Il tema di questa prima tappa è “Carovigno terra di torri”. 
Un tema affascinante, misterioso e dalle mille sfaccettature, che si unisce e si lega al "resto": alla natura, ai paesaggi, al mare, alla storia e alla gastronomia. La partecipazione è gratuita e c’è tempo fino al 25 settembre per mandare la propria idea. Un’idea/soggetto che punti a raccontare le curiosità, la storia, l’aspetto turistico e ospitale di questa terra magica e autentica. 
Il 30 settembre 2015 la giuria sceglierà le 5 proposte ritenute più curiose e originali.
E i 5 registi/filmakers dal 12 al 17 Ottobre 2015, muniti di attrezzatura propria per le riprese e il montaggio, saranno chiamati ed ospitati sul territorio di Carovigno, e avranno a disposizione 3 giorni per “girare” due giorni per “montare” e un giorno per vincere. 
Il risultato? 5 cartoline digitali, della durata massima di 3 minuti, che “parleranno” di Carovigno. 
Ai 5 partecipanti verrà garantito vitto, alloggio e spese di viaggio dal luogo di provenienza alla città in provincia di Brindisi. 
La sera del 17 Ottobre 2015 la giuria decreterà il video più bello e tra i riconoscimenti ci sarà anche una somma in denaro.


G: Una domanda che è più una mia curiosità personale: perché Carovigno e non un altro posto? 

L: Carovigno è una cittadina ancora poco conosciuta ma che ha davvero tanto da offrire al turista attento e curioso. Un posto magico che va scoperto. E sposa appieno quella che è proprio l’intenzione del festival: quella di portare alla luce tutto ciò che della Puglia ancora non si conosce
Un plauso va al sindaco di Carovigno, Carmine Brandi e alla consigliera Annamaria Petrosillo, che hanno creduto nel progetto e lo supportano con i mezzi e con la giusta comunicazione. 


G: Raccontaci con pochissime parole 3 luoghi insoliti pugliesi che tutti dovrebbero ammirare

L: Sarò campanilista ma comincio dal mio paese, Ceglie Messapica. Perdersi tra i vicoli del centro storico allattati dal bianco candido della calce è un’esperienza che consiglio a tutti. 
La seconda scelta ci porta ad una passeggiata nella natura
Basta entrare in uno dei tratturi della campagna per lasciarsi emozionare dai muretti a secco, dai giganti contorti degli alberi di ulivo e dalla campagna pugliese che tanto regala a chi ha voglia di abbandonarsi alle emozioni sensoriali. 
Infine, un’escursione nelle grotte di Castellana
Un tuffo nelle viscere della terra. Qui è possibile vivere l’avventura come veri e propri esploratori per sviluppare maggiormente tutti i sensi a disposizione, per ascoltare i suoni delle Grotte, osservarne la fauna che la popola o provare intense emozioni come procedere in solitudine per un tratto.

Nessun commento:

Posta un commento

Benvenuto in questo mondo fatto di viaggi e di emozioni.
Siamo tanto felici se ci lasci un commento!
Gli Anonimi non ci piacciano e se ci spammi ti scateniamo contro Torchwood

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...