Austria Coast-to-Coast: dal Bodensee al Neusiedlersee

Itinerario da seguire in Austria

Chi l'ha detto che per fare un viaggio coast-to-coast servano per forza due coste che danno su un mare? I laghi non vanno bene? Certo che vanno bene! E' il caso dell'itinerario di viaggio per scoprire l'Austria che vi raccontiamo oggi. Un po' un nostro sogno, una sorta di "unisci i puntini" capace di mettere assieme tanti viaggi fatti negli ultimi due anni in quel dell'Austria, una nazione che sentiamo tanto nel nostro cuore. 
Pronti a partire per viaggiare dal Lago di Costanza al Burgenland... e ritorno?



Con la fine della Prima Guerra Mondiale, l'Austria perdeva definitivamente i suoi accessi al mare. Primo fra tutti la città di Trieste, che tanto mostra ancora quell'aria mitteleuropea capace di renderla una città unica.

Premessa storica a parte, all'Austria manca il mare - è vero - ma non manca l'acqua.
Dovrei controllare, ma sono sicura che in tutte le regioni ci sia almeno un luogo dove potersi immergersi per fare il bagno d'estate, sia esso un lago oppure un fiume.
Ecco perché ci è venuta l'idea di questa specie di coast-to-coast austriaco.
A noi piacerebbe farlo utilizzando i mezzi pubblici, primo fra tutti il treno che in Austria è puntuale, pulito e super piacevole.


Come si sviluppa un itinerario coast-to-coast in Austria?


Viaggiare in Austria

Il luogo da cui immaginiamo di partire è il Bodensee, aka Lago di Costanza, per me uno dei laghi più belli d'Europa, con un'atmosfera unica e una dose di storia e cultura da far paura (in positivo, ovviamente).


Il lato austriaco del Lago di Costanza è caratterizzato da un grande amore per lo spettacolo e la lirica.
Ogni anno, in estate, ci svolge un festival interessante e la messa in scena delle opere è direttamente sulle rive del lago.

La seconda tappa di questo viaggio ci porta dritti a Salisburgo, una città che si racconta da sola.
Noi ultimamente l'abbiamo vissuta andando in cerca di salisburghesi celebri (oltre a Mozart) e di streetfood dal sapore speciale

Dopo Salisburgo il nostro treno ci porterebbe sicuramente a Linz, una città che per anni ha fatto a pugni con l'industria pensante a anche con la sua storia.
Lo sapevate che Linz è rimasta divisa come Berlino per circa 10 anni dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale? Non c'era un muro a solcarla a metà bensì il Danubio.
Ora Linz è una città moderna, molto concentrata su ambiente e arte. In una parola: da scoprire!

Dopo Linz allunghiamo il passo fino a Vienna per scoprire la capitale anche d'estate, dalle parti del quartiere dell'Onu dove si trovano tanti lidi (dal sapore anni '50) affacciati direttamente sul Danubio. La strada che abbiamo percorso per scoprire questi luoghi balneari sul fiume ci ricordava molto una strada di mare... eppure eravamo a 10 minuti dal centro di Vienna. Da provare!

Dopo Vienna è la volta del Burgenland, dove si può arrivare sia col treno che con alcune corriere di linea. Proprio in questa regione si trova l'altra "costa" del nostro coast-to-coast austriaco: il Neusiedlersee. La zona occupata da questo lago è una delle più soleggiata di tutta l'Austria.
Autunno e inverno qui sono stagioni del tutto speciali.
Se penso al Burgenland la mia mente corre subito a Stegersbach e all'esperienza fatta al Falkensteiner Balance Resort, un piccolo regalo di gran benessere nel mezzo di un viaggio on the road.

Dal Burgenland si riparte puntando verso est, attraversando Stiria e Carinzia.
E' facile perdersi nel paesaggio in posti come questi e la voglia di fermarsi in ogni dove è più forte di ogni altra cosa.
Della Stiria amo la vocazione termale (e le mele). Della Carinzia, che sento affine per motivi di famiglia, adoro le valli maestose e aperte al sole.
Una fermata nei pressi del Wörtersee, uno dei laghi più caldi di tutta l'Austria, non ce la toglie nessuno!

Volendo si può rientrare in Italia da Tarvisio ma noi proseguiamo verso il Tirolo, per raggiungere Kufstein, una di quelle città attraverso la quale si passa sempre e non ci si ferma mai.
E se ne valesse la pena? 

Innsbruck è lì a pochi kilometri e può essere l'ultima tappa ideale di un viaggio capace di attraversa tutta l'Austria, una nazione che sembra così piccola eppure è capace di regalare grandi differenze ad ogni kilometro percorso.


Come spesso accade quando si sente qualcuno di straniero parlare d'Italia, si tende a generalizzare.
Ecco perché vi consigliamo di intraprendere questo viaggio coast-to-coast per conoscere l'Austria da Ovest a Est, da Nord a Sud.
In tutte le stagioni... prendetevi almeno 10 giorni di tempo e partite utilizzando i mezzi pubblici e riempitevi gli occhi della bellezza dell'Austria.


Questo per noi sarà un Agosto di lavoro ma, se potessimo, saremmo già sulla banchina della stazione, pronti a prendere il prossimo treno!

PS: come ogni viaggio che si rispetti, occorre una colonna sonora degna e speciale.
Io ho due canzoni in mente: la prima è dei Toten Hosen, gruppo storico tedesco.
La seconda è di Andreas Gabalier, vero e proprio idolo made in Stiria. Non vivo più senza!

Nessun commento:

Posta un commento

Benvenuto in questo mondo fatto di viaggi e di emozioni.
Siamo tanto felici se ci lasci un commento!
Gli Anonimi non ci piacciano e se ci spammi ti scateniamo contro Torchwood

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...