L'Isola di Iona

Iona Scotland
Picture from An Out of the way place 
La Scozia è un luogo davvero particolare e non credo basterebbe un anno per girarla tutta, isola per isola, montagna per montagna, glen dopo glen. Ci sono luoghi in cui la storia ha maggiormente lasciato il segno e quegli stessi posti hanno aiutato il carattere della Scozia a formarsi, secolo dopo secolo. Uno di questi luoghi potrebbe essere Stirling, oppure Culloden o forse Cawdor, tutti luoghi famosi per delle battaglie.
C'è un altro posto che ha plasmato la Scozia. Si tratta di una piccola isola nelle Ebridi Interne. E si chiama Iona.

Un volo per le Isole Fær Øer

Volo diretto per le Faroer
Picture for courtesy of VisitDenmark

Le Isole Fær Øer sono da sempre nei miei pensieri.
Forse perché sono estreme, forse perché sono lontane, forse perché mi piace il fatto che siano indipendenti e mi piace anche che la Danimarca abbiamo un po' questi territorio "affiliati" ovunque.
A dirla tutta mi piacerebbe arrivarci in nave, magari con un viaggio lungo e un po' contemplativo.
In mancanza di questo, da poco c'è una novità degna di segnalazione.

Una cartolina da... Bath (Inghilterra)

You Have The Floor

Oggi vi scrivo dalla città di Bath, nella contea del Somerset in Inghilterra. Si può ben dire che siamo in piena Merry England, ma a due passi dal Galles (anche il coat of arms [stemma araldico] della contea mostra un bel dragone rosso). Bath è davvero bellissima, e piena di cose da fare e vedere: è sede delle Terme Romane antiche e della moderna spa che da esse deriva, è un esempio di architettura Georgiana, è casa di Jane Austen, è location del telefilm Bonekickers, è centro storico e culturale con tanti musei e monumenti. La lista dei to do e to see sarebbe lunghissima. Io però voglio parlarvi di uno dei suoi aspetti più interessanti e meno conosciuti, e cioè che Bath è anche a pieno titolo la città dei buskers.

Cosa non fare a Liverpool

Viaggio a Liverpool
Liverpool from the Mersey - Picture by Duncan Harris @Flickr.com

Giorni fa ero intenta a pensare a tutti i Non Fare scritti finora e mi dicevo che mi piace un sacco che tanti blogger partecipino dicendo la loro sulla zona dove vivono e che conoscono bene. Mi chiedevo quale avrebbe potuto essere il prossimo Non Fare pubblicato e, in quell'istante, ho avuto una rivelazione.
Non avevo ancora scritto il mio Cosa Non Fare A Liverpool. Ed eccomi qui a rimediare.

Una cartolina da... Carloway (Isole Ebridi)

Carloway - Tweed
"Tweed" (immagine tratta dal portfolio Compact Scotland) - ©2013 Gianluca Vecchi

La cartolina di oggi ve l'ho spedita dalle Isole Ebridi. Queste si dividono in Interne ed Esterne, formando un arcipelago al largo della costa occidentale della Scozia. La più grande delle Ebridi Esterne ha due nomi: viene chiamata Lewis a nord e Harris a sud, ed abitualmente ci si riferisce a questi due territori come fossero isole separate, anche se non c'è nessun braccio di mare a dividerli. Passeggiando per le strade di Lewis e Harris potrebbe capitarvi di assistere a scene come questa. Che, anche se è difficile crederlo, illustrano una delle eccellenze scozzesi più note.

Parliamo di Monferrato

Questo post doveva essere un "Non Fare" ma, si sa, quando si scrive sono i pensieri e le parole che comandano e capita che il testo vada in altra direzione. E va benissimo lo stesso.
Oggi si parla di Monferrato che, con Langhe e Roero, è entrato nel Patrimonio Universale dell'Unesco.
A scrivere non sono io, né Gian. E' Arianna Serra, amica che ospito molto volentieri.
Cosa ci racconterà? Leggete il post e scopritelo!

Un viaggio a Obersdorf

Baviera Obersdorf
Foto da Allagau.De
Con i suoi 815 metri di altitudine, Oberstdorf è una delle più rinomate stazioni montane e sciistiche della Baviera. All'estremo sud della Germania, ai confini con l'Austria, si trova nella zona più montuosa dell'Algovia, dove ce n'è per tutti i gusti: natura, cultura, storia, svago e benessere.

Hai detto Masuria!?

Laghi della Masuria Polonia
Il cielo di Masuria - © 2014 Giovy

E' tempo di raccontarvi anche la Masuria, dopo la Podlaskie, una regione davvero interessante e capace di raccontare cose nuove sulla Polonia e le sue zone di confine. #BlogginPolonia mi ha dato la possibilità di percorrere i confini a Nord-Est dello stato polacco, zone dove il mix di culture e secoli di dominazioni alternate e diverse hanno reso tutto davvero speciale.

Una casa in Val Venosta

Burgeis Alto Adige Panorama
Il Panorama di Burgusio - © Giovy

Questo è il panorama che vedevo tutte le mattine quando, un mesetto fa, mi trovavo in Val Venosta.
Mi piaceva un sacco buttare gli occhi di prima mattina su Burgeis (o Burgusio, come volete) e su Marienberg che, bianco e immacolato, proteggeva l'Alta Val Venosta.
Adoravo spostare lo sguardo verso sinistra, dove questa foto si interrompe, per osservare l'Ortles e il suo sorriso (o smorfia). Era un bel modo per iniziare la mattina e tutto questo lo devo al Burgus.

Siolo Budy e la Luce dell'Est

Polonia Siolo Budy
La Luce dell'Est - © 2014 Giovy
Il mio arrivo in Polonia, la settimana scorsa, è stato caratterizzato da un Treno lento verso la Regione di Podlaskie.
Una volta arrivata a Bialystok mi sentivo come se avessi messo piede su chissà che linea ferroviaria storica perché, controllando la cartina, mai mi ero avvicinata così tanto al confine con quella che ora è la Bielorussia ma che un tempo era piena Unione Sovietica.

La Spiaggia di Vienna

Vienna Donau Park

Dove vanno i Viennesi quando c'è bel tempo, quando viene voglia di piscina, di mare, di sole, di giocare a racchettoni? Un tempo, quando l'Austria era un impero, le famiglie più agiate se ne andavano a Trieste e dintorni mentre quelle che amavano la campagna preferivano il Lago Balaton, in Ungheria.
Oggi chi a Vienna ha una gran voglia di spiaggia prende la metro e raggiunge la zona del Donau Park.

Hai detto Podlaskie?


Ok... fino a qualche giorno fa io non sapevo nemmeno che esistesse un posto chiamato Podlaskie, né Bialowieza, né Siolo Budy, per non parlare di Bialystok.
Strano, vero, come certi posti presenti da un'eternità sulla carta geografica in realtà sembrino invisibili ai nostri occhi fino al momento in cui i nostri piedi calpestano proprio quella terra.
Quando conosci certi luoghi capisci che l'idea che ti eri fatta di una data parte del mondo è sbagliata, forse distorta.

#OsloSwap: 4 chiacchiere con Barbara Perrone

Osloswap
Foto di Davide Tiezzi 
Mettiamo un po' di Norvegia in queste giornate di quasi metà giugno.
Io, come già sapete, sono in giro per la Polonia ma avevo voglia di raccontarvi il progetto #OsloSwap e la sua ideatrice, Barbara Perrone.. che è davvero una bella persona e un'amica che sono felice di aver incontrato per strada.

Viaggiare usando una formula come il baratto è possibile? Lascio a voi ogni pensiero e la lettura dell'intervista con Barbara.

Cosa Non Fare a Carrara


Questa rubrica del Non Fare mi regala sempre delle belle soddisfazioni. Non parlo (solo) di numeri ma anche di sorrisi e iniziativa. Enrico di Bassavelocità mi ha contattato e mi ha detto "e se ti scrivessi il mio non fare su Carrara?"
Detto, fatto. Eccovi qui un nuovo non fare per iniziare alla grande la settimana.
Oggi si parla di Toscana, quella "non famosa", come mi ha detto Enrico.
Oggi si parla di cosa non Fare a Carrara. Enjoy!

#BlogginPolonia... si parte!

Viaggio in Polonia
Picture from Polan.Travel
Ciao, io domani parto e vado in Polonia.
O meglio, vado nel voivodato di Podlachia (Podlaskie, per gli amici) e nella regione della Masuria (la foto qui sopra ritrae parte della Masuria, per gli amici Mazurskie).
Parte di queste zone un tempo era conosciuta come Prussia Orientale e, in un altro tempo ancora, le regioni che visiterò furono contese con Russi, Bielorussi e Lituani.
Di qui passarono anche i Tartari.

Il Giorno della Normandia

Sbarco in Normadia
Picture from Phakeplastic
Sono passati 70 anni dal 6 Giugno del 1944, giorno denominato come D-Day. Lo Sbarco in Normandia è stato uno dei momento più fondamentali del secolo scorso ed ha segnato un punto fermo nella liberazione dell'Europa e della Francia. Ci sono luoghi che contengono così tanta storia da sentirli quasi urlare tutto ciò che hanno vissuto: la Normandia è uno di questi luoghi. E oggi è proprio il suo giorno.

Il Gusto del Brasile

Il gusto del Brasile
Picture from YouBrasile.com
Basta un po' di accento paulista, il ricordo di qualche cena e l'ascolto dei TerraSamba a riportare alla mia mente la nazione del momento: il Brasile. Tra pochi giorni partirà il Mondiale di Calcio 2014 e ci sarà un gran parlare di quella zona del mondo, che ho conosciuto anni fa in modo davvero diretto e profondo. Ho già scritto dei post a riguardo, come quello su Recife, ma non ho mai raccontato il gusto del Brasile. Il cuffia sto ascoltando proprio Liberal General ed è il momento di scrivere qualcosa a riguardo.

La Giraldilla: una Storia Cubana

La Habana Storia della Giraldilla
Picture for courtesy of Habana-club.com
Le storie d'amore e di viaggio sono comuni in tutto il mondo ma ci sono degli archetipi che cambiano, a seconda della zona e del continente. Noi in Europa siamo pieni di principesse dai lunghi capelli, di principi e di draghi (o qualche altra creatura misteriosa e terrificante. L'Oriente è pieno di principesse, guerrieri e strane specie tenute in gabbia e poi fatte volare via. Il Centro America e i Caraibi pullulano di donne che attendono invano il ritorno del loro amore. Lo attendono fino alla pazzia. Oggi vi porto a Cuba e vi racconto della Giraldilla de la Habana.

Cosa non fare a Torino

Cosa non fare a Torino

Non esiste inizio settimana senza un nuovo Non Fare. Oggi ci spostiamo a Torino, una città che amo davvero tantissimo. I consigli che tra poco leggerete sono scritti dalla mia amica Barbara Oggero, brava photostoryteller e super torinese Doc. Curiosi di sapere cosa non fare a Torino?

Porec e il suo mare


La Croazia, nella mia mente, va occupare uno spazio che giace vicino al senso di libertà. Quando ero piccola era uno dei quei luoghi di cui ingnoravo totalmente l'esistenza perché si parlava solo di Jugoslavia, nella suo essere uno stato solo. Poi c'è stata la guerra ed io ho capito che cosa ci fosse dopo il Friuli Venezia Giulia.
A pace fatta, per fortuna, ebbi la possibilità di partire, sconfinare e di conoscere il mare di Porec.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...