La Magia del Treno Notturno

Treno notturno Venezia-Vienna
Foto © 2014 Giovy
La magia del treno notturno... sembra quasi il titolo di una favola e, in effetti, potrebbe esserlo. Sono tornata da Vienna da qualche giorno e ho ancora la testa piena di pensieri che si intersecano, di itinerari vissuti e di emozioni colte lungo la strada. Ho pensato di cominciare a raccontare il viaggio verso l'Austria proprio dal mezzo che ci ha portati lì: il treno notturno OBB da Venezia a Vienna.

Le Montagne del Veneto

Le Montagne in Veneto
Foto di P.Rizzato per foto-natura.it
Veneto: città d’arte, sontuose ville, pregiatissimi vini ma, soprattutto, alcune delle più belle vette d’Europa.
Dalla regione di Cortina e delle Dolomiti bellunesi, all’Altopiano di Asiago con la sua ricca tradizione gastronomica, di antiche foreste, laghi alpini, parchi nazionali e reperti storici: questi sono luoghi che lasciano il segno in chi li visita.

Cosa non fare in Sénegal

Cosa non fare in Senegal

Una decina di giorni fa ho scritto un post che raccontava cosa non fare in Galles. Oggi continuiamo su questa scia e vi racconto cosa NON fare in Sénegal, consigli che possono essere validi anche nei paesi con esso confinanti come Mauritania e Mali.

Aix-les-bains e il Lac du Bourget

Visitare Aix-les-bains e il Lac du Bourget
Picture from Somecontrast.com
Mettete assieme le parole Francia e Aix. Probabilmente la prima cosa che vi verrà in mente sarà Aix-en-Provence, famosissimo e magnifico luogo. Di non sola Provenza vive Aix... perché ce ne sono altre città in Francia che iniziano con queste parole. Come quella di cui voglio parlarvi oggi: Aix-les-Bains, che si trova nel distretto del Rhône-Alps, non tanto distante dall'Italia e da quelli che, un tempo, erano i territori dei Savoia.

Il mare in città

Il mare vicino alla città
Picture from Wikimedia Commons
Allora... io sono una di quelle che amano le spiagge deserte, desolate e sperdute... dove praticamente non c'è nessuno e dove mi posso godere mare e natura a piacimento.
Se c'è una cosa che però ho sempre invidiato in modo sano è il mare del quale si può godere comodamente dalla città. Avete presente quelle città dove il mare e la spiaggia sono raggiungibili con pochi passi o comodamente in autobus? Ecco, oggi si parla delle spiagge urbane o cittadine che dir si voglia.

Viaggi da fare almeno una volta nella vita

Viaggi da fare assolutamente

Giorni fa mi sono ritrovata a dire una frase del tipo "è un luogo in cui vi auguro di andare almeno una volta nella vita". Dopo aver detto (o scritto!?) questo ho pensato a quali fossero, per me, i luoghi in cui andare almeno una volta nella vita... a prescindere da attitudine e gusto, ci possono o no essere dei must da considerare pietre miliari per ogni viaggiatore?

La Scozia... in radio!

Giovy Malfiori in Radio

Vi ricordate che un po' di tempo fa venni intervistata dalla Radio della Svizzera Italiana e parlai di Cuba sulle frequenze di Radio Uno?
Bene, oggi si replica e durante la trasmissione Pronti, Partenza, Via parlerò di Edimburgo con la bravissima Elena Caresani!
Potete seguire l'intervista in streaming oppure collegarvi nei prossimi giorni al Podcast.

Chissà che cosa vi racconteremo sulla capitale Scozzese... di sicuro qualcosa al di fuori delle solite e ben conosciute mete!

La trasmissione inizia alle 15.45. Stay tuned!

Esplorare Gandria

Esplorare Gandria in Svizzera
Il panorama da Gandria - © 2014 Giovy
Dopo aver esplorato la riva comasca del Lario, conosciuto anche come Lago di Como, io e Gian abbiamo passato il confine e, con mia somma gioia, ci siamo dedicati alla Svizzera.
Per me il Canton Ticino è uno di quegli amori che non dimenticherò mai. Malgrado questa grande passione e il fatto che io abbia vissuto lì anni, ci sono degli angoli di questo pezzettino di Svizzera che devo ancora scoprire.
Uno di questi era Gandria, piccolo e minuscolo paesino su quel ramo del Lago di Lugano che punta dritto verso la Valsolda, Porlezza e l'Italia.

In Treno verso Vienna

Viaggiare in treno in Austria
I nostri biglietti OBB
Viaggiare in treno non è solo una cosa da ragazzi giovani e da gente che va a fare l'inter-rail. Viaggiare in treno (e con altri mezzi pubblici come i bus) è un'esperienza di vita molto bella.
Ecco perché io e Gian abbiamo deciso di raccontare l'Europa vista dalle rotaie e conquistata kilometro dopo kilometro. Le vie ferroviarie sono come una specie di linea magica che congiungono le persone e sanno valicare monti e confini come nessun altro mezzo di trasporto.
La prima tappa del nostro European Rail Tour sarà l'Austria, con destinazione Vienna, dove arriveremo in collaborazione con OBB e DBItalia.

Callanish e la Luna

Visitare Callanish Ebridi Esterne Scozia
I tre cerchi di Callanish - © Giovy 2014
Callanish è il luogo che più mi è rimasto nel cuore, se ripenso al nostro viaggio in Scozia, che ha raggiunto poi quelle strane terre chiamate Ebridi Esterne. Ho parlato di questo pietre su altri siti ma non ho mai scritto nulla per il mio blog di viaggi ed ora eccomi qui. Callanish è uno di quei luoghi capaci di dirmi tante cose pur rimanendo in un silenzio totale. Callanish non è solo il cerchio di pietre più bello che io abbia visto, è anche quello che è riuscito a parlarmi.

Quel Ramo del Lago di Como

Esplorare il Lago di Como sulla strada Regina
Il Lario a Cremia - © 2014 Giovy
Il Lago di Como è stato per me meta di scorribande per anni e anni.
Non abitavo lì distante e ogni volta che volevo evadere un po' e stare con me stessa, io cercavo le rive del lago. Un po' di musica nelle orecchie, un buon libro e tutta quella bellezza davanti a me.
Il lago di Como, così come quello di Lugano, sono sempre stata la mia coccola personale e tornare da quelle parti mi ha proprio fatto bene.

San Patrizio: un giorno orgoglioso

San Patrizio Irlanda
Picture for courtesy of Turismo Irlandese
Allora... oggi è San Patrizio e questa non è una grande novità. La cosa nuova sta nel fatto che io ne scriva e ne parli. Infondo avevo già scritto del giorno di Sant'Andrea (Scozia) e San Davide (Galles). Perché non raccontare anche il giorno del patrono dell'Irlanda!?

#NeVadoFiero... La Versione della Giovy

Questa sono io a The Chasms, sull'Isola Di Man. Un luogo incredibile!
Greta e Simona mi hanno nominata qualche giorno fa perché prendessi parte a #nevadofiero: una serie di post che raccontano cosa ci rende fieri nei nostri viaggi e nel nostro modo di vedere la vita.
Quando ho letto della nomination ero, fatalità, on the road e proprio in quel momento mi sono messa a pensare a cosa mi fa dire #NeVadoFiero.

Cosa non fare in Galles


Oggi ho deciso di cominciare una sorta di rubrica che racconti cosa non fare in una data zona del mondo. Sono convinta che quello che uno vada (o non vada) a vedere sia di per sé un fatto personale. Il viaggio è un fatto personale e sono cosciente che ci siano cose che io farei e che mi entusiasmano e che a mezzo mondo non interessino affatto. C'è però qualcosa che proprio non va fatto, sia per educazione o perché proprio è una perdita di tempo. E oggi cominciamo da una delle mie parti del mondo preferite: il Galles.

Tramonti d'Egitto


Io sono una di quelle persone attratte infinitamente dall'alba. Fin da quando ero adolescente, se mi si chiedeva se amassi di più l'alba o il il tramonto... io rispondevo l'alba.
Alba per me è l'inizio di qualcosa di nuovo tutto da vivere ma c'è un luogo nel mondo che ha sconvolto il mio baricentro e che mi ha fatto vivere dei tramonti che mai avrei pensato: il Sinai.

Kennet and Avon Canal: vita fluviale a Bradford

Narrowboat Life
Narrowboat Life [Vita Sul Barcone] (Bradford On Avon: Kennet and Avon Canal) ©2013 Gianluca Vecchi

Tre Uomini in Barca di Jerome K. Jerome è sicuramente tra i miei libri preferiti. Ho riletto spesso questo capolavoro dello humour inglese, e mi ha sempre fatto ridere come la prima volta che l'ho sfogliato: esso narra le avventure di tre amici (di cui uno è lo stesso scrittore, voce narrante) in una gita sul Tamigi alla fine del 19° secolo. Questo libro andrebbe di diritto negli scaffali delle pubblicazioni di viaggio, perché in effetti era nato come guida vera e propria ed è stato reindirizzato verso il settore comico in corso d'opera. Chi lo ha letto si rende conto facilmente di questo fatto, visto che la trama è corredata di precisi riferimenti storici e geografici. L'argomento di questo libro tocca uno degli aspetti peculiari (e forse meno conosciuti) della cultura british, che è la vita su fiumi e canali.

Due giorni, due Laghi: Como e Lugano

Visitare Como e Lugano
Foto da Panoramio.com
Ci sono due luoghi che fanno parte della mia vita da un po' e che non escono dal mio cuore: parlo di Como e Lugano... e dei lori rispettivi laghi. Il Lario e il Ceresio sono stati miei fedeli compagni in mille avventure.
Quando mi sono trasferita in Svizzera ero felice per un miliardo di motivi, anche se stavo affrontando una fase tutta nuova della mia vita.
Ero felice perché guadagnavo due laghi. Mi tenevo il paesaggio montuoso e prealpino, non tanto diverso da quello dove ero cresciuta ma guadagnavo due laghi... e la cosa non poteva che farmi felice.

Visitare i Musei di Madrid

Picture from Gogobot
Giorni fa mi è arrivata una mail molto bella in cui mi si chiedeva qualche consiglio su come strutturare un bell'itinerario alla scoperta di Madrid. La capitale della Spagna è una città dalle mille sorprese e, come molte altre città grandi, non basterebbe una settimana per vederla tutta con completezza.
Se c'è una cosa che non manca a Madrid è proprio l'arte. Io stessa, durante un viaggio nella capitale spagnola. ho dedicato ben 2 giorni interi solo ai musei.

Impressioni di Varsavia

Viaggio a Varsavia Polonia
Picture from Wikimedia Commons
Quando sono arrivata a Varsavia (Polonia) mi è sembrato di aver fatto un viaggio nel tempo. Ero partita da Hannover (Germania) la notte prima, facendo un viaggio a dir poco potente. Nel dormiveglia mi vedevo transitare per posti che, per me, sapevano di storia immensa come, per esempio, Francoforte sull'Oder. Il bus passò silente la linea dell'Oder-Neisse e, in men che non si dica, mi ritrovai alla frontiera con la Polonia.

Il Ponte Celtico di Holyhead

Holyhead è il maggior centro dell'Isola di Anglesey, in Galles. Questa città portuale si trova a sua volta su di un'isola, chiamata Holy Island. Holyhead è un nodo nevralgico dei trasporti britannici da e per l'Irlanda: più di 2 milioni di passeggeri salgono e scendono sui traghetti che attraccano qui, per non parlare delle merci. Sembra incredibile ma fino al 2006 mancava un collegamento diretto per i viaggiatori tra il porto e la città, mancanza che è stata colmata con la costruzione del Celtic Gateway Bridge [Ponte del Cancello Celtico], una bellissima ed incredibile struttura a cui dedico questa fotostoria.

Il Celtic Gateway Bridge non è stato costruito solo per il semplice transito delle persone, ma anche con l'intenzione lungimirante di ricavarne un profitto turistico per dare impulso all'economia locale. Direttamente, come un manufatto architettonico e attrazione per i viaggiatori; indirettamente, perché porta i passeggeri in transito direttamente in centro, con la possibilità di fare acquisti e spese.




I Gallesi sentono molto il legame con la storia, quindi non stupisce che ad una struttura così modernista sia stato dato un nome che richiama la tradizione. Questo nome ha anche un valore simbolico: Anglesey è stata l'ultima roccaforte della resistenza dei Britanni contro i Romani, mentre l'Irlanda è ora una libera repubblica che è stata roccaforte della resistenza contro gli Inglesi. Ed il Ponte Celtico unisce idealmente tali due realtà passate e presenti. All'ingresso di questo futuristico passaggio, i visitatori vengono accolti da mosaici in stile medievale che raffigurano due famosi Santi locali del 6° secolo: sono Seiriol (detto Il Bianco) e Cybi (detto Il Bruno).

Ero a Holyhead di passaggio, e non avevo molto tempo a disposizione per un giro completo del posto. Il Celtic Gateway Bridge potrà sembrare l'ennesimo e comune ponte in acciaio, come se ne vedono tanti in giro per il mondo, ma in realtà ho trovato questa struttura davvero affascinante. Non nascondo che gli ho dedicato quasi tutto il tempo della mia breve permanenza: con ammirevole sopportazione della mia compagna Giovy, che mi ha aspettato ed accompagnato durante le mie scorribande avanti ed indietro sul ponte.





A volte è davvero incredibile come costruzioni apparentemente semplici possano nascondere viste ed angoli inaspettati. Questo è senz'altro merito della curiosità dell'osservatore, ma anche il risultato di una sapiente progettazione: come vi ho accennato prima, l'amministrazione locale voleva un'attrazione per i viaggiatori, e c'è riuscita. Come potete vedere dalle foto fin qui pubblicate, il Celtic Gateway è fondamentalmente un semplice ponte, che può trasformarsi in un'intricato e artistico insieme di forme geometriche che cattura l'attenzione di chi vi transita (specie la prima volta).

Specie se avete la passione per la fotografia, o comunque per le arti visive, questo manufatto (tra l'altro costruito da un'azienda italiana) vi rapirà, oltre a fornirvi tantissima ispirazione. Io personalmente sono rimasto stupito dalla quantità di forme che vi si possono trovare, già pronte o da inventare ed assemblare. Scalinate, grate, piani inclinati e curve sembrano messi lì apposta per stuzzicare l'osservatore mettendogli davanti uno scenario mai banale. Infatti la struttura è sovrabbondante, e probabilmente esagerata da un punto di vista funzionale, ma come ho già spiegato l'exploit scenografico fa parte dello scopo iniziale del progetto.





Se le fotografie fin qui presentate vi hanno incuriosito e vi sono piaciute, potete guardare comodamente l'intero portfolio che ho dedicato al Celtic Gateway Bridge, che è composto da 20 immagini e che vi presento nello slideshow sottostante. Buona visione!




Questo articolo è stato scritto per Emotion Recollected In Tranquillity.
La riproduzione è vietata e l'originale si trova solo su Emotion Recollected In Tranquillity.

Il Canale tra Liverpool e Leeds

Il Canale tra Liverpool e Leeds
Picture from Wikimedia Commons
In una nazione come l'Inghilterra, le vie d'acqua sono sempre state molto importanti. Pochi lo sanno, ma il Regno Unito è pieno di canali che collegano città dell'interno dell'Isola ad altre della costa, oppure ancora delle perfetta autostrade d'acqua che collegano importanti città ad altre. Questi canali di congiunzione nacquero più che altro per motivi economici ed ora restano un perfetto esempio di archeologia industriale. E' così, per esempio, per il Liverpool-Leeds Canal.

Viaggiare in Bus in Messico

Come viaggiare in Autobus in Messico
Picture from DamnWallpapers
Il viaggio on the road è qualcosa che tutti sognano prima o poi nella vita: si tratta di quel momento pazzesco che ha in sé una libertà che non si può descrivere.
Viaggiare in autobus in giro per il Messico è uno dei più bei regali che abbia potuto fare a me stessa ecco perché oggi ho deciso di raccontare come organizzare al meglio un viaggio in bus in quel del Mexico e dintorni.

L'arte del Ritorno

Ritornar o no?
Le onde tornano sempre - © 2014 Giovy
Quel gran genio di William Blake un giorno scrisse che il male esiste perché esiste il bene. La notte esiste perché esiste il giorno. Parafrasando le sue parole grandiose io dico che il viaggio esiste perché il ritorno esiste. E viceversa
Su questo blog di viaggi ho parlato spesso di tornare, in tante salse: quando fa male, quando fa bene, quando è necessario. Non ho mai affrontato il tema del ritorno... in un luogo dove siamo già stati.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...