Il Monte Bondone

Il Monte Bondone in Trentino
Il Monte Bondone - Foto da Flickr.com 
Il Monte Bondone è una sorta di "sorvegliante" del Trentino.
Se ne sta lì, come un gigante di pietra, ad osservare e proteggere la bellezza del territorio che lo circonda. Alto 2'180 metri, è un vero proprio massiccio montuoso a due passi dalla città.
Nel 1934 venne costruito qui uno dei primi impianti di risalita italiani.
Che lo visitiate d'inverno, autunno, estate o primavera poco importa: la sua bellezza a portata di mano è speciale.


Se siete tra quelli che amano i panorami "interotti" (o arricchiti) dalle forme delle montagne e mal sopportate (come me) la vastità della pianura, fate un giro tra le offerte montagna al Monte Bondone di Expedia: potreste stupirvi di quanto questo angolo di Trentino ricco di natura possa offrire.

Goethe diceva che non è necessario fare il giro del mondo per capire che il cielo è azzurro ovunque.
Allo stesso modo, spesso basta spostarsi di pochi kilometri per godere della bellezza delle montangne.
Per me è sempre stato così, sia in Veneto che in Svizzera.

Il Monte Bondone si trova nel Trentino occidentale.
Non distante dalla zona della Paganella, ricca di colori e bellezze.
Per tanti anni fu sede del Trofeo Topolino che vide nascere campioni come Alberto Tomba e Deborah Compagnoni.
Il primo impianto di risalita da queste parti fu anche il primo in Trentino.
Consisteva in una rudimentale slitta trainata da un argano, che i trentini chiamavano "slitòm".
Oggi, con quattro impianti di risalita e un sistema di innevamento programmato, il Monte Bondone garantisce sciabilità per buona parte dell'anno su 21 km di piste associate allo skipas Skirama Dolomiti Adamello-Brenta.

Ce n'è per tutti: piste adatte agli esperti e quelle perfette per principianti. La Gran Pista, affrontabile solo con gambe esperte e allenate, attraversa boschi di conifere e betulle e prati ed è servita dalla seggiovia che vanta il maggior dislivello di tutta Europa (809 metri), percorso in meno di otto minuti. 

Io amo molto lo sci da fondo.
Alla veneranda età di 36 anni posso permettermi di iniziare la prossima frase con "quando ero giovane".
Quando ero giovane, il fondo era il mio pane quotidiano durante le vacanze di natale.
Sul Bondone non ho mai sciato ma mi dicono che qui ci sono 37 chilometri di piste a 1.565 metri di altitudine. 

L'estate è finita e l'anno se ne sta andando ma vi dico che sul Bondone, nei mesi estivi, la natura offre infinite possibilità di trascorrere giornate all'aria aperta su sentieri vie ferrate ed in sella ad una bici, se amate praticare il cicloturismo.
La zona è piuttosto conosciuta dagli amanti del ciclismo (smentitemi se dico una cavolata) che si cimentano a pedalare sulla mitica salita "Charly Gaul".

Sul Monte Bondone si è tenuta il 31 Ottobre scorso la consueta Giornata Nazionale del trekking urbano, dedicata in questo 2014 al ricordo della Prima Guerra Mondiale, che ha lasciato il suo segno anche lì. 

Non mi ricordo chi disse che ogni montagna è come un libro ma credo che questa frase sia vera e comprovata.
Il Monte Bondone guarda la sua Trento e il suo Trentino come fosse un'eterna vedetta.
Sta a noi andarlo a trovare.

Nessun commento:

Posta un commento

Benvenuto in questo mondo fatto di viaggi e di emozioni.
Siamo tanto felici se ci lasci un commento!
Gli Anonimi non ci piacciano e se ci spammi ti scateniamo contro Torchwood

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...