Lost in Salzburgerland

Visitare la zona di Salisburgo
Il Dachstein - © 2014 Giovy
Succede, ogni tanto, che tra un viaggiatore e un dato luogo nasca una certa affinità elettiva. A volte si tratta di una città, di una nazione intera oppure di qualche posto isolato e solitario. A me è successo un paio di giorni fa mentre vistavo la zona di Filzmoos, un piccolo paese del Salzburgerland, in Austria. Mi sono trovata al cospetto del Dachstein e mi sono detta: "io sono a casa".


Salisburgo è una delle mete più gettonate dal turismo italiano, in tutte le stagioni.
Non c'è da meravigliarsi: la città è speciale e si lascia proprio amare.
Come spesso accade per altri luoghi del mondo, si passa qualche giorno in un posto famoso come Salisburgo e poi si prende l'autostrada e via dritti finché non si passa il Brennero.
In questi giorni ho avuto l'opportunità di conoscere il Salzburgerland, ovvero la regione di Salisburgo, e l'ho trovata a dir poco emozionante.
Così tanto da provare un piccolo senso di "perditudine" (passatemi il termine) e di appartenenza allo stesso tempo.

Il Salzburgerland è comodamente raggiungibile dall'Italia via autostrada ma, potendo scegliere, veniteci in treno. Anche i paesini più piccoli sono raggiungibili con i mezzi pubblici. Al treno si affianca una fitta rete di bus e corriere che praticamente portano ovunque.
La stagione clou per questa zona sono sicuramente i mesi invernali e quelli prettamente estivi ma, sempre potendo, io vi consiglierei proprio l'autunno.
Il sole si abbassa e, malgrado la temperatura cali, la luce è più calda e il bosco comincia a tingersi di meravigliose tonalità.

A fare da corona a distese e distese di alberi di ogni tipo c'è il massiccio del Dachstein che sembra un gigante di granito messo a protezione di un piccolo paradiso.
L'ho osservato a lungo domenica pomeriggio, mentre il cielo sembrava trovare minuto dopo minuto una tonalità di blu sempre più intenso.
Il blu è, per l'appunto, il colore simbolo della regione e, stando ai cieli che ho visto, non stento a capirne la ragione.

Il Salzburgerland è una regione fatta di verde, blu, grigio e bianco.
E' un luogo dove è la natura a dettare colori, tempi, modi e posti che si possono visitare.
E' uno di queli posti dove chi è troppo cittadino potrebbe sentirsi perso e chi ama infinitamente la natura e i suoi spazi può e deve sentirsi re.

Io non mi sento regina, pur amando alla follia gli spazi disegnati solo dalla Natura.
Mi sono sentita parte di tutto quello che vedevo e ho capito quanto impagabile fosse quella sensazione.

Se pensate di fare un giro a Salisburgo, concedetevi un giorno (che non sia di viaggio e transito) nella sua regione. Mettere un piede fuori dalla strada segnata e sicura ogni tanto fa bene.
A me, sicuramente.
E l'Austria si addice alla perfezione a tutto questo.

Nessun commento:

Posta un commento

Benvenuto in questo mondo fatto di viaggi e di emozioni.
Siamo tanto felici se ci lasci un commento!
Gli Anonimi non ci piacciano e se ci spammi ti scateniamo contro Torchwood

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...