Cibi dal Mondo: dove osano i buongustai

Cibi insoliti nel mondo
Cibi dal mondo - Foto da Skyscanner.it

Giorni fa io e Gian eravamo a pranzo in una rusticissima e speciale trattoria ai piedi del Pasubio.
Gian ha mangiato la trippa e, parlando durante il nostro pasto, mi sono ricordata di quella puntata di Bizarre Food in cui Andrew Zimmern era in Italia e assaggiava proprio lo stesso piatto scelto da Gian, considerandolo esotico e molto bizzarro.
Nel mondo ci sono tanti cibi e ricette comuni nella zona di loro produzione ma bizzarri agli occhi dei viaggiatori.  Quali saranno mai?

Il mondo è bello perché è vario e perché c'è spesso la possibilità di scegliere cosa e dove mangiare.
Questa è una grande libertà, nonché privilegio, che non tutti gli esseri umani hanno.
Tante volte quando chiedo di non mettere una cosa in un piatto mi sento un po' troppo egoista, ma questo è un altro discorso.

Vi siete mai trovati in qualche posto nel mondo, dove non poter rifiutare il cibo che vi era stato proposto o dove non avevate scelta?
A me è successo in Sénégal, con l'acqua del pozzo e il succo fatto con il frutto del Baobab.
Anche in Cina direi... e anche in Mongolia, dove il loro tea di benvenuto non si poteva di certo rimandare al mittente. Sarebbe stato scortese e poco rispettoso.

Altre, invece, sono le situazioni in cui, arrivando in un luogo, ci intestiamo di voler assaggiare la specialità del posto per dare un senso di completezza al nostro viaggio.
E se quella specialità fosse bizzarra e non proprio comune?
Non occorre fare 12 ore di aereo per trovarsi di fronte piatti che non si sa come affrontare.

Penso alla Scozia e a quella bontà chiamata Haggis, ovvero "the great chieftains o'the pudding race".
Mangiare l'Haggis in Scozia
Haggis... non è poi così brutto, no?
Su questo piatto fatto di un polpettone di interiora e avena ci sono tanti luoghi comuni da sfatare.

Non puzza di morto, la consistenza della carne è quella di un polpettone pertanto se non vi dicessero con cosa è fatto non indovinereste mai. Il suo gusto è forte perché è molto pepato. 


Le interiora vanno forte in Gran Bretagna
La Kidney Pie è un gustosissimo e molto diffuso pasticcio di carne fatto con manzo, rognone, cipolle e un sughetto al quale non si resiste.

Mangiare la Kidney Pie
Kidney Pie - Buttalapasta.it

Ho visto gente ordinarla al pub senza sapere con cosa fosse fatta.

Ci sono tanti cibi che potrebbero essere considerati strani, benché essi siano comuni da noi.
Carni come quelle del cavallo e de coniglio sono intoccabili in Gran Bretagna.
Per contro, il Kipper, pesce affumicato in un modo particolare molto diffuso sulle Isole Britanniche (soprattutto sull'Isola di Man), regala un gusto fin troppo forte per noi "abitanti del continente".

Last but not least, parliamo di un piatto che, per me, è davvero per pochi temerari: si tratta della Finanziera, ricetta tipica e storica legata alla città di Torino.
Lo ammetto, non sono riuscita ad assaggiarla ma Gian sì e se l'è gustata a fondo.
Questa ricetta sa di storia e tradizione e vede la sua nascita nel Medioevo, nella zona del Monferrato.
Nacque come piatto povero, cucinato dai contadini ma nel Diciannovesimo Secolo divenne la scelta dell'élite piemontese. Si dice che il nome le venne attribuito proprio in questo periodo.
La Finanziera era la giacca usata dai banchieri torinesi.

Scrivere questo post mi ha fatto pensare a mia nonna, che preparava le beccacce e gli "oseleti" cacciati da mio zio. Le cucinava e se le gustava come fosse la carne più pregiata al mondo.
L'esotico, il diverso, l'insolito e l'inaspettato sono, probabilmente, dentro le nostre case e nella memoria di tempi antichi.
Momenti in cui si mangiava quello che c'era e la scelta era solo un vocabolo sul dizionario.

4 commenti:

  1. Che bel post! Mi piace sperimentare la gastronomia locale quando sono in giro e mi piace anche provare a ripetere le ricette a casa. Ma ammetto sono un po' schizzinosa e le interiora non mi vanno proprio giù. Quindi, ad oggi, la cosa più strana che ho mangiato sono le orecchie di porco, prelibatezza portoghese dicono, in Mozambico. Il sapore era simile alla normalissima carne di maiale, ma si sentiva la cartilagine sotto i denti e.. Questo no. Non mi è piaciuto!
    Elena di Giorni Rubati

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Elena... sei stata bravissima a mangiare le orecchie di maiale. Io e la cartilagine siamo proprio incompatibili! :)

      Elimina

Benvenuto in questo mondo fatto di viaggi e di emozioni.
Siamo tanto felici se ci lasci un commento!
Gli Anonimi non ci piacciano e se ci spammi ti scateniamo contro Torchwood

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...