Hai detto Podlaskie?


Ok... fino a qualche giorno fa io non sapevo nemmeno che esistesse un posto chiamato Podlaskie, né Bialowieza, né Siolo Budy, per non parlare di Bialystok.
Strano, vero, come certi posti presenti da un'eternità sulla carta geografica in realtà sembrino invisibili ai nostri occhi fino al momento in cui i nostri piedi calpestano proprio quella terra.
Quando conosci certi luoghi capisci che l'idea che ti eri fatta di una data parte del mondo è sbagliata, forse distorta.


Ti ritrovi così, una sera a Bialystok, ad essere stanca morta perché sono già due giorni che vedi l'alba. E in Polonia, qui a Nord, l'alba è attorno alle 3.20 circa del mattino.
Sei stanca sì... ma ti viene da mettere in ordine il puzzle di questi primi giorni polacchi.
E scrivi, pensi, ricordi... e riporti quelle emozioni vissute sui piedi e sul viso. Le metti dentro al cuore, la mente e alle tue dita che scorrono veloci sulla tastiera di un computer che mai si sarebbe aspettato di viaggiare così.

Sto raccontando la Polonia su #BlogginPolonia e ci sono due post belli freschi per voi.
Uno racconta di questa regione, o meglio Voivoidato, che si chiama Podlaskie.
L'altro vi racconta della foresta che si presentava davanti ai miei occhi ieri mattina.
E come per magia... là dentro... io mi ci sono proprio vista.

Ieri ero così vicina alla Bielorussia che il mio telefono credeva di essere già là e, se avessi starnutito, i miei microbi avrebbero sconfinato.

Oggi sono in viaggio verso Nord, mi avvicino alla Lituania e entrerò nella regione polacca della Masuria.
Cosa mi attenderà?
Io non lo so... ma ho occhi e cuore curiosi per gustarmi tutto.
Stay tuned!

2 commenti:

Benvenuto in questo mondo fatto di viaggi e di emozioni.
Siamo tanto felici se ci lasci un commento!
Gli Anonimi non ci piacciano e se ci spammi ti scateniamo contro Torchwood

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...