Ottobre a Roma

Visitare Roma


Era una vita che non riuscivo ad andare a Roma. Nei primi anni del 2000 io e Roma ci vedevamo almeno 4 volte l'anno. O anche di più. Non male per una che abitava nell'Alto Vicentino e poi in Svizzera. Roma per me è sempre stato un mondo diverso: se a casa mia mettevo il maglione pesante, a Roma potevo sicuramente stare con la felpa leggera.


Anche questo viaggio romano non s'è tradito e mi ha regalato, un paio di settimane fa, una di quelle Ottobrate che davvero mi ha fatto bene. Andando a Roma spesso (ci abita la mia migliore amica), ho avuto sempre l'occasione di dedicarmi, ogni volta, a qualche pezzettino diverso della città.

Sto giro mi sono dedicata alla zona di Campo dei Fiori e al Ghetto Ebraico.


Lo ammetto, conoscevo pochissimo il Ghetto e avevo voglia di osservarlo un po' meglio.
La curiosità per questa zona di Roma m'era venuta tempo fa, guardando un film di Ozpetek.
Proprio mentre ero a Roma due settimane fa, una notte, ci siamo messi a passeggiare per le vie silenti di questa zona della capitale. Per strada c'eravamo solo noi e pochi altri.

Più che persone, sembravamo delle ombre che si aggiravano leggere per le strade di Roma.


Il giorno dopo, in pieno sole, siamo tornati al Ghetto per andare a mangiare dalla Sora Margherita.
Un posto che raramente scorderò, come quel cacio e pepe (con aggiunta di ricotta) che davvero aveva qualcosa di divino. Passeggiando per tornare verso piazza Venezia siamo passati attraverso le vestigia romane dove c'è il Portico di Ottavia.
Osservando quelle rovine di tempi antichi mi sono proprio detta che Roma è davvero una città speciale. Potrebbero esserci mille aggettivi sinceri da cucirle addosso ma uno solo basta su tutti: bella. Forse sto davvero scrivendo un'ovvietà, ma per qualcuno che vive anni e anni distante da un luogo così proprio non lo è.


Magari ci torno presto.

Magari mi scelgo un appartamento a Roma da prendere in affitto per qualche giorno per tuffarmi di nuovo dentro una bellezza che, malgrado lo dicano tutti è proprio vero, è eterna.

2 commenti:

  1. Sai, a volte vorrei non vivere a Roma per poter apprezzare più approfonditamente quella eterna bellezza che fa tanto scalpore su coloro che vengono da fuori, che non la vivono. Un giorno vorrei proprio guardare Roma con occhi diversi, occhi da forestiera, ma non so se ci riuscirò mai, abituata come sono a viverci da vent'anni. L'effetto che questa città ha sugli altri è strepitoso e quando ci penso me ne accorgo sul serio e penso che, sì, sono davvero fortunata a potermela godere quando voglio.

    P.S. 'Naggia, a sapere quando saresti venuta avremo potuto incontrarci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cavolo... non sapevo (o non mi ricordavo) che fossi di Roma!
      Quei giorni sono stati davvero convulsi per me ma se torno con più calma te lo faccio sapere.
      Un abbraccio grande!

      Elimina

Benvenuto in questo mondo fatto di viaggi e di emozioni.
Siamo tanto felici se ci lasci un commento!
Gli Anonimi non ci piacciano e se ci spammi ti scateniamo contro Torchwood

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...