Pensando a Quimper

Francia Bretagna Quimper
Picture by Derek Bembry @ 500 px.com
Nel B&B dove dormivamo alle Ebridi, ogni sera si sentiva il fischio forte del vento.
La mia mente se ne stava lì un po' e poi vagava, sull'onda della forza di quell'aria spettacolare.
Vagava molto mentre me ne stavo sotto il piumone a guardare la notte che non arrivava.
Una sera è approdata su di un ricordo legato ad un libro che pensavo avrei odiato ma che poi amai moltissimo.
Lessi Fede e Bellezza di Niccolò Tommaseo per un esame universitario.
Quando lo comprai mi chiesi come mai ci facevano leggere un romanzo di cui pochi avevano sentito parlare.
La vicenda è molto comune e non sto qui a raccontarla... vi lascio scoprirla.
Vi basti sapere che è stato scritto nel 1842 ed è ambientato a Quimper, in Bretagna.
Io a Quimper non si sono (ancora) stata ma me la sono immaginata mille volte.
E' uno di quei luoghi che evito di guardare su Google Street View perché è ancora ferma dentro me l'immagine di Quimper raccontata in quel romanzo che vi indicato prima.
La Quimper che racconta Tommaseo è quella dell'inverno, del buio, del vento e del mare in tempesta.
La Quimper che vorrei conoscere è proprio quella, in quella data stagione, quando la Bretagna vive meno di turismo e più di uno stato di simil "maggese", mentre aspetta una nuova stagione bella e soleggiata.
Mi piace pensare a quella città che si riparar dalla tempesta dell'Oceano.
Mi piace pensarla al gusto di un tea caldo, magari con del miele di campo.
Mi piace pensare alla lingua bretone e al suono che può avere.

E pensare a tutto ciò mi fa un gran bene perché finché c'è un viaggio nella mente, ci sarà vita nel mio cuore.
Leggete quel libro e partite per Quimper.

8 commenti:

  1. Nella prima metà d'agosto sono per l'appunto stato un paio di settimane in Bretagna. Quimper l'ho saltata. Non m'ispirava molto e c'erano già troppe cose da vedere.
    A parte che il vento e il mare in tempeste li puoi tranquillamente trovare anche ad Agosto da quelle parti. Non vorrei rovinarti la fantasia, ma Quimper non è sull'oceano ma un po' più all'interno.

    Ps.
    Magari era voluto, ma la foto è di Concarneau, non di Quimper.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!
      Grazie mille per la precisazione sulla foto. Era stata probabilmente nominata male.
      Vedrò di trovarne un'altra.
      Sapevo che Quimper fosse più riparata ma il vento lì è capace di arrivare ovunque.
      Il romanzo la raccontavo molto nella sua fase invernale e spero di riuscire a vederla così.
      Anche perché non resisto fino alla prossima estate! :))

      Elimina
  2. Tornata da poco.. sono stata a Quimper in una giornata soleggiata e ventosa ma facilmente me la immagino buia e tempestosa..
    Ora non mi resta che correre a leggere il libro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il libro a mio avviso merita molto.
      Essendo del 1842, è scritto in un Italiano di altri tempi ma è interessante e molto appassionante.
      Poi mi dirai

      Elimina
  3. ciao sono Federica! Sono stata in Bretagna con il camper 4 anni fa e l'ho girata tutta a piedi e in bici! Non voglio darti suggerimenti posso solo dirti... Quando parti? Ho comprato qualche giorno fa il tuo libricino che sto trovando molto molto bello! Anche io adoro viaggiare, come scrivo nel mio appena nato blog, e condivido quello che scrivi in pieno! Un abbraccio Federica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Federica, scusa se rispondo così impunemente in ritardo.
      Mi piacerebbe godermi la Bretagna in inverno, vedremo.
      Cosa ne pensi del mio libricino!?

      Elimina
  4. Attention photo de Concarneau et non Quimper

    RispondiElimina

Benvenuto in questo mondo fatto di viaggi e di emozioni.
Siamo tanto felici se ci lasci un commento!
Gli Anonimi non ci piacciano e se ci spammi ti scateniamo contro Torchwood

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...