Il mio arrivo a Parigi

Tour Eiffel
Picture by Mile Kremer @ 500 px.com
Sono giorni che penso alla prima volta di molti viaggi.
Mi spiego meglio.
C'è sempre la prima volta in cui arrivi in un posto: non molto tempo fa vi ho raccontato il mio approdo a Città del Messico e Edimburgo.
Giorni fa pensavo al mio arrivo a Parigi. Al primo.
Sono stata molte volte nella capitale francese ma il mio primo viaggio da quelle parti è stato quasi un'improvvisata.
Un'amica che viveva là per lavoro, un week end libero e un volo lowcost.
Niente di più invitante per prenotare un bell'aereo e partire.
Arrivata a Beauvais mi sentivo spaesata.
Era buio perché il mio volo atterrava alle 22 circa.
Sapevo di essere distante ma, a quel tempo, avevo meno coscienza di dove fosse il fantomatico aeroporto RyanAir.
Salii sul autobus con la stessa smania e curiosità di una bimba al suo primo viaggio. 
Ero in lotta con me stessa perché sui mezzi pubblici spesso tendo a dormire e, in quel momento stavo per cedere. Controvoglia, chiusi gli occhi e mi lascia cullare dal viaggio.
"Tanto ci vuole un po'", pensai dentro di me.
Complice una buca o non so che strano protettore dei viaggiatori, ci fu un sussulto e mi sveglia.
Guardai fuori dal finestrino e la vidi: vivi lei, in tutto il suo luccichio.
La Tour Eiffel è il simbolo assoluto di Parigi dal 1889 quando il Signor Gustave Eiffel la montò, quasi come fosse un enorme Lego Technik, per l'Esposizione Universale.
A pochi piaceva in quel periodo. Era troppo proiettata nel futuro, era troppo moderna, troppa ferraglia insomma.
Molti dicevano "sopportiamola un anno e tanto poi la smonteranno" ma lei è ancora lì.
Quella sera luccicava come un cristallo illuminato da mille candele.
Era l'essenza della luce in una stanza colma di buio e silenzio.
Era la musica in una accoglienza, quella verso di me, che non poteva essere delle più belle.
Restai attaccata al finestrino a guardarla finché fosse possibile.
Il giorno dopo andai a vederla alla luce del sole.
Restai ore, credo, al suo cospetto e questo genere di litania di ripeté in tutti i miei viaggi parigini.
Mi siedo dalle parti del Trocadero e la osservo.
Poi vado sotto le sue immense quattro gambe e contemplo la sua perfezione.
Sapete una cosa? Non sono mai riuscita a salirla.
Troppa gente, troppo caos.
Occorre prenotare se volete andarci. Oppure armarvi di gambe e pazienza.
Ogni tanto chiudo gli occhi, da qualsiasi parte del mondo io sia, e la rivedo in quel suo sbarluccicare così perfetto, da sembrare un balletto degno dell'Opéra.

8 commenti:

  1. Per vedere Parigi dall'alto, penso sia meglio la torre di Montparnasse, fra l'altro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Altro luogo che ho ammirato dal basso.
      Quando penso a Parigi vista dall'alto ho sempre in mente la descrizione che ne fa Hugo in Notre-Dame de Paris.

      Elimina
  2. Per quanto banale possa essere, la Torre Eiffel è l'edificio che più rimane impresso di Parigi. Almeno a me è successo così. Non sono mai riuscita a staccarle gli occhi di dosso... Anche perchè ovunque vai, basta alzare lo sguardo e te la ritrovi lì, sopra tutto e tutti.
    Io sono salita a piedi, ma non fino alla cima. Secondo me merita, è un panorama diverso da quello che si gode dal Sacro Cuore, dove pure mi sono arrampicata.

    RispondiElimina
  3. Parigi è stupenda. La prima volta ci andai in macchina con i miei nonni. Il primo impatto fu quindi la tangenziale :-) ero eccitatissima, volevo quella città sin da bambina.. e alla fine da appena maggiorenne ci arrivai. Fu subito amore.

    La prima volta all'arrivo in una città è sempre diversa. Dipende dalle aspettative, da quello che ci si è immaginato di trovare.
    A me piace molto vedere le periferie. Mentre sono sul treno o sull'autobus, che dall'aeroporto mi portano in centro osservo. Penso sia il momento in cui si capisce molto di una città. Le periferie raccontano la città molto meglio delle vie del centro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per aver condiviso i tuoi ricordi sul mio blog

      Elimina

Benvenuto in questo mondo fatto di viaggi e di emozioni.
Siamo tanto felici se ci lasci un commento!
Gli Anonimi non ci piacciano e se ci spammi ti scateniamo contro Torchwood

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...