Tempo di programmi Scozzesi

Viaggio in Scozia

Sono giorni in cui smanetto sul Mac come se non ci fosse un domani,
Un viaggio è un qualcosa che si gesta, lo scrissi in un post un po' di tempo fa.
E questo viaggio verso la terra scozzese ha avuto una gestazione quasi pari a quella del Royal baby.
Quello che vedete qui sopra è l'itinerario, in linea di massima, per punti certi che io e Gian affronteremo in Scozia tra circa una decina di giorni.
Siamo intorno alle 600 miglia circa, miglio più o miglio meno.
Il tutto coi mezzi pubblici perché, come sicuramente sapete, io la macchina mica la noleggio quando viaggio.
Guido già tutti i giorni, almeno quando viaggio mi piace godermi il panorama e gustarmi la terra che sto scoprendo passo dopo passo.
La cosa un po' complicata di quando si pensa di viaggiare coi mezzi pubblici è che bisogna incastrare molte cose, come fosse un mega Tetris mondiale.
L'itinerario che vedete qui sopra è la cosa più facile al mondo.
Si fissano dei punti fondamentali dove trovare da dormire e da dove poi spostarsi.
I miei punti fissi saranno Edinburgo, Inverness e Stornoway.
Tutto il resto è quello che sta occupando i miei giorni da molto tempo a questa parte.
Quando si pensa ad un viaggio seguendo la "combinata" mezzi pubbici+piedi è necessario diventare i maghi degli orari degli autobus.
Per fortuna esistono siti come Traveline che vi aiuterà a giocare a Tetris con tutti gli spostamenti nel Regno Unito. E' diviso per zone e esistono anche le App relative alle varie zone.
Io ho già scaricato quella della Scozia e funziona molto bene.
Ieri mi sono destreggiata nel trovare itinerari fattibili nelle Highlands e sono riuscita a mettere gli occhi su un sentiero storico legato ad un clan con origini Vichinghe che proprio mi alletta da matti.
Ci sarà spazio per il mitico Lochness e i suoi dintorni, come ci sarà spazio per una distilleria conosciuta grazie ad un mitico film di Ken Loach.
Quando lasceremo le Highlands punteremo verso le Ebridi Esterne, arriveremo a Stornoway, e voi non avete idea della voglia che ho di vedere quelle isole pazzesche che si trovano alla latitudine della Norvegia.
E qui è tutto un mistero, anche gli autobus. Mi vien da ridere!
L'altra sera guardavo History of Scotland del mitico Neil Oliver e lo ascoltavo raccontare magistralmente della crudeltà del gaelico clan dei MacDonald, che abitavano proprio sull'isola di Lewis.
Il mio zaino è lì che scalpita, i miei piedi pure.
Ce ne sarà di strada da fare e molta sarà fatta grazie alle nostre gambe.
Le Ebridi sono davvero una terra estrema, il luogo più ventoso del Regno Unito, dove antiche popolazioni hanno lasciato le loro tracce indelebili.
Ed io ho voglia di trovarle tutte. 

Se per caso sparisco dalla rete, non vi preoccupate!
Sto solo viaggiando!

10 commenti:

  1. Ti racconteremo poi com'è andata! :)

    RispondiElimina
  2. Favoloso,
    posso partire con voi? Devo ancora disfare le valige.
    Buon viaggio, buone vacanze e buon tutto,
    Aspetterò con ansia i vostri post.
    ;-)
    Angela

    RispondiElimina
  3. Macchè preoccuparci! Sapremo che sei in ottima compagnia del mondo :)
    Buon viaggio!

    Scrutatrice

    RispondiElimina
  4. Quindi? com'è andata coi mezzi verso l'ultima tappa? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto esclusivamente coi mezzi pubblici. Rischiando la vita un paio di volte :)

      Elimina

Benvenuto in questo mondo fatto di viaggi e di emozioni.
Siamo tanto felici se ci lasci un commento!
Gli Anonimi non ci piacciano e se ci spammi ti scateniamo contro Torchwood

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...