This is Anfield!

Liverpool, Anfield Road
C'è da dire che io e il calcio ci conosciamo un po' e altamente ci evitiamo.
Non mi piace molto quello sport e sono di gusti un po' più ovali.
A parte questo, sono pienamente cosciente del fatto che ci siano delle vere e proprie "cattedrali" sportive alle quali, volente o nolente, è sempre il caso di rendere omaggio.
Quando per la prima volta, totalmente incosciente di dove fossi, sono passata col treno sotto la curva dell'Old Trafford di Manchester, mi sono venuti i brividi.
Se c'è una cosa che rispetto al massimo e che mi prende l'anima è la storia di luoghi come gli stadi.
A prescindere da quello che ci si gioca dentro.
Lo Stadio, nel Regno Unito e in Irlanda, è davvero un luogo al quale rivolgere tutta la sacralità possibile.

E' stato per anni, l'unico e vero svago per milioni di persone. L'unico dopo il pub.
Era il luogo in cui il conflitto sociale prendeva un altro risvolto.
A volte bastavano gli sfottò, a volte si arrivava alle botte. Purtroppo.
Ora le regole in UK sono molto rigide e, thanks God, lo stadio è tornato ad essere il tempio che era.

Quando sono andata a Liverpool per la prima volta, molto incuriosità, mi diressi verso Anfield Road.
Ecco, una cosa che mi piace da matti è che gli stadi portano spesso il nome delle vie dove si trovano o delle stazioni dei mezzi lì vicini.
Anfield sta a Liverpool e alla sua gente proprio come i Beatles sono parte integrante di questa città.
Parlando con un po' di gente di Liverpool, ho comincianto a comprendere cosa vuol dire sentire l'appartenenza ad una squadra.
La gente di Liverpool, che parteggia per le maglie rosse, appartiene ad Anfield.

Ho capito anche che tenere per il Liverpool o per l'Everton non è solo una scelta di simpatia.
La stessa cosa vale anche per lo United e il City, o per il Wimbledon e il Tottenham.
La squadra è una scelta sociale.
Se sei Irish, cattolico, emigrato, lavori duro al porto e frequenti il Finnegan's ... allora tifi per l'Everton. Sei sei Inglese, protestante, magari proprio di Liverpool, lavori duro al porto e frequenti il Grapes... beh... la tua squadra è il Liverpool.
Al di là di tutto questo, sono entrata nello stadio in un giorno d'inverno ed era vuoto.
Quando non si gioca o non c'è allenamento ci sono dei tour appositi per conoscere questa leggenda del Merseyside.

Ci sono tornata per una partita e sono rimasta sorpresa nel vedere l'osservanza delle regole da parte della gente. Non ti puoi permettere di trasgredire altrimenti dovrai rinunciare per sempre ad una parte di te. 
Conoscevo la bellezza dell'Inno del Liverpool, You'll Never Walk Alone, e sapevo che sarebbe stato cantato ad inizio partita.
Ho avuto la pelle d'oca per tutto il tempo.

Credo di non aver mai guardato il campo; io guardavo le persone attorno a me.
E vedevo in loro la felicità di osservare una passione.

Da quel momento quella canzone è entrata nel mio cuore.
Come è entranto Anfield Road, parte integrante del mio amore per Liverpool.

Nessun commento:

Posta un commento

Benvenuto in questo mondo fatto di viaggi e di emozioni.
Siamo tanto felici se ci lasci un commento!
Gli Anonimi non ci piacciano e se ci spammi ti scateniamo contro Torchwood

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...