Landing in Birmingham

Birmingham volo low cost


Oh ma è già Mercoledì? Davvero?
Questa settimana il tempo sta davvero volando e, dopo Bristol e Leeds, eccoci pronti ad atterrare in quel di Birmingham.

La settimana scorsa vi dicevo che questa era una zona un po' difficile... ed è vero.
La zona delle West Midlands ha sempre ricoperto un'importanza fondamentale nell'economia britannica, passata e presente.
Se le Midlands sono considerate il cuore dell'Inghilterra, Birmingham ne è davvero l'anima pulsante.
Atterrare a Birmingham significa avere moltissime possibilità di viaggio davanti a sé.
Se siete amanti dei pittori Preraffaeliti e di Dante Gabriele Rossetti, questa è proprio la città giusta perché qui c'è la più grande collezione mondiale dedicata a quel movimento artistico dal sapore tutto british. In questa città l'arte la fa veramente da padrona e ci sono musei per tutti i gusti e le volontà.
I più golosi si preparino perché qui ha sede il Cadbury World e Dio solo sa quanto vorrei farci un giro.
Cadbury è un brand di cioccolato storico in UK.
Prima che possiate dire qualsiasi cosa, la Cadbury Diary Milk è una delle cose più buone che io abbia mai assaggiato e accompagna le mie scorribande britanniche fin dal primo viaggio. Provare per credere!
Amanti del cioccolato o no, atterrare a Birmingham vi permette di essere a circa ad un'ora di distanza dal non plus ultra dei luoghi made in England: Stratford-upon-Avon.
Che vi piaccia Shakespeare oppure no, quello è a mio avviso uno dei luoghi da vedere prima o poi nella vita e mi auguro di poterlo raggiungere molto presto.
Ma perchè vi dissi che questa è una zona difficile?
Birmingham è una città molto "calda" socialmente: i riot del 2011 partirono da Londra ma trovarono il suo sfogo più grande proprio qui.
In passato questa zona dell'Inghilterra veniva chiamata The Black Country e proprio l'anno scorso ho avuto la possibilità di vedere un documentario della BBC che la raccontava.
Questo nome è dato dal fatto che proprio in questo bacino si trovava la maggiore concentrazione di industria siderurgica inglese.
Per anni e anni qui si è prodotto acciaio e chissà quante altre cose.
In altri tempi, le case si riempivano della fuliggine degli altiforni e tutto sembrava nero.
La Black Country è ora un museo all'aria aperta che racconta la vita sociale, lavorativa, famigliare della gente che abitava quelle zone e che forse ci vive ancora.
Gli Inglesi & Co sono molto bravi nei living museum ed io non vedo l'ora di avere la possibilità di atterrare a Birmingham e dedicarmi a questa nuova scoperta.
Da Birmingham si può anche partire in treno per Cardiff (circa 2 ore) o viaggiare verso i bellissimi territori dei Cotswolds dove poter ammirare cottage e giardini così belli da fare invidia a Miss Marple
Dalla realtà dell'industria pesante e della vita non facile al paradiso di tetti di paglia, lavanda e narcisi fioriti. E this is England, baby... e mi batte sempre nel cuore.
La prossima settimana sfidiamo il destino di ogni viaggiatore: l'estremo nord!
Atterreremo a Newcastle!

2 commenti:

  1. Pronta per l'atterraggio a Newcastle, ma intanto ho conosciuto meglio Birmingham.
    Buona giornata (qui very British)
    Susanna

    RispondiElimina
  2. Very british anche qui la giornata... ma là è tutto diverso.
    La pioggia non resta mai in maniera continua.
    Ho una nostalgia immensa :)

    RispondiElimina

Benvenuto in questo mondo fatto di viaggi e di emozioni.
Siamo tanto felici se ci lasci un commento!
Gli Anonimi non ci piacciano e se ci spammi ti scateniamo contro Torchwood

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...