Tynwald hill: dai vichinghi ai giorni nostri

Visitare l'Isola di Man
La solennità del Tynwald Hill - © 2012 Gianluca Vecchi
Immagine di misura immensa per un luogo che non ha pari sulla terra.
Vi avevo già raccontato che l'Isola di Man ha un suo governo ed è un territorio legato al Regno Unito per questioni di politica estera. Ma è indipendente.
Gli abitanti dell'Isola ci tengono a farlo capire e il miglior modo per entrare in pieno nella loro storia è recarsi a St.John, centro geografico del territorio dell'Isle of Man, per vedere con i proprio occhi Tynwald Hill.
Che cos'è il Tynwald?
E' il più vecchio, longevo, mai rovesciato parlamento al mondo.
E' il parlmaneto dell'Isola di Man, fondato nel 979 d.c. dai re Vichinghi che già da un po' governavano lo splendido territorio di Mann.
Non c'è stato Cronwell o re potente o nazione estera o guerra fratricida che abbia potuto rovesciarlo.
Il Nazismo non ha nemmeno sfiorato questo territorio.
Nessun totalitarismo, dal 979 d.C., ha preso piede sull'Isola di Man.
Quella mattina, io e Gian eravamo un po' emozionati nel recarci a St.John.
Quando prendemmo l'autobus ci venne da ridere perché beccammo lo stesso autista (molto rude e ruspio, ma corretto e simpatico) di un paio di giorni prima.
Gli chiedemmo di scendere presso la Tynwald Hill perché non sapevamo che aspettarci dalla "capitale" della Storia dell'Isola di Man.
St.John, come vi dicevo, si trova proprio al centro dell'Isola e non a caso è stata scelta a rappresentare l'orgoglio del popolo Manx.

Ballahara Standing Stones - © 2012 Gianluca Vecchi
 Non appena si scende dall'autobus (da Douglas sono circa 20 minuti di strada) si viene accolti da una meraviglia di quell'Isola.
Ve lo dissi che la bellezza dell'Isola di Man sta anche nel fatto che basta girare la faccia per trovare uno stone circle di migliaia di anni.
E' stato così anche a St.John dove un cerchio molto bello si trova proprio di fianco alla fermata.
 

Si tratta di Ballahara, datato circa al 2300 a.C.,  villaggio nel quale si produceva della ceramica durante il Neolitico.
 Le pietre erano di più ma alcune sono andate distrutte o sono crollate.
La sorpresa rimane comunque grande nel trovarsi un qualcosa di simile senza averlo cercato.
Per trovare la Tynwald Hill vi basterà attraversare la strada.
C'è una chiesa molto bella: la chiesa di St.John dove un'altra grande sorpresa attende il viaggiatore attento e con gli occhi vispi.

Chiesta di St.John - © 2012 Gianluca Vecchi
Appena vi avvicinerete a quella porticina piccola che si vede vicino al campanile, guardate bene sotto il portico creato dall'entrata.
Non c'è solo la bacheca con gli avvici e gli orari di apertura del museo (che si trova proprio lì, nel cortilino della chiesa).
Non c'è solo l'orario delle Messe o chissà che comunicazione del vicario di quella zona.
Non c'è solo un luogo per ripararsi dalla pioggia che, come capirete dai colori del cielo, ogni tanto arriva e ti prende a sberle.



Croce vichingo-celtica - © 2012 Gianluca Vecchi
 Lì sotto c'è lei... non è solo una pietra.
E' "il transetto" di una croce di epoca celtico-vichinga.
L'Isola di Man ne è piena perché Celti e Vichinghi convissero e si fusero su questo territorio, intrecciando cultura, lingua, religione e tradizioni.
Le Croci celtiche fatte in onore di un defunto portavano la cristianità da un lato, ma si affidavano ad un'arte di tradizione celtica. Dal lato opposto si trovano invece disegni vinchinghi.
Sul lato, e qui fu la mia grande sorpresa, delle iscrizioni runiche.
Vedere le Rune, lì, su quella pietra, esposta a tutto e tutti mi ha fatto pensare a quanta civiltà ci sia in alcune persone e quanta ne manchi a noi italiani.
Se una nostra opera d'arte antichissima (perché di questo si tratta) fosse esposta così, quanti se la sarebbero portati via? Quanti l'avrebbero rovinata?
Ero estasiata da quella visione e non me ne sarei mai andata via.
L'incontro con una croce simile aiuta a capire cosa sia davvero il Tynwald e che retaggio porti con sé.
Ora non vi resterà altro che percorrere la Millennium Way che separa la chiesa dalla collina con la Bandiera.
Questa via è stata aperta e celebrata nel 1979, quando il Tynwald compì 1000 anni.
Non poco direi.
La collinetta su cui si trova è formata dalla terra di tutte le parrocchie esistenti sull'isola ai tempi dei vichinghi.
Il concetto di parrocchia è più civile che religioso e delimitava la zona di interesse di un dato funzionario del re o di un altro ancora.
Quella collina è l'essenza dell'Isola, come se fosse lo stato in miniatura.
Tutti gli anni, ad inizio Luglio, si tiene la cerimonia di apertura del Tynwald e viene inaugurato l'anno politco dell'Isola.
E' il Lord of Mann il capo supremo dell'isola.
Fu un Re Vichingo, fu chissà che conte inglese. Ora lo è la Regina Elisabetta II che lì non viene chiamata The Queen bensì The Queen as Lord of Mann. L'Isola non ha re o regine.
Prima di recarmi lì quel giorno, avevo letto un sacco su questo parlamento perché mi incuriosiva.
Pensate che non è mai stato rovesciato!!
Questo pensiero è quello che davvero mi gira dentro: ci sono tantissime civiltà dalla storia millenaria ma nessuno ha mai avuto la forza di difendere il proprio parlamento così tanto da non farlo mai rovesciare.
E forza spesso è stata sinonimo di difesa armata. Molte volte è stata sinonimo di diplomazia.
Quello che è chiaro dopo una visita a Tynwald Hill è la bellezza di un popolo che è nato dalla fusione, dalla cooperazione e non dalla guerra.
Questo è un concetto al quale i Manx tengono molto.
Loro sono i discendenti di gente che si è trovata di fronte senza capirsi.
Celti e Vichinghi parlavano due lingue diverse e questo non è poco in tempi in cui la traduzione era cosa per dotti.
Trovarsi a vivere al fianco di gente diversa e accogliere la diversità come una risorsa è quello che il passato ci può insegnare.

 
Parlamento vichingo sull'isola di man
Millennium Way - © 2012 Gianluca Vecchi

6 commenti:

  1. Bello che l'unità tra più popoli nasca dall'aggregazione spontanea, invece che da atti di forza o dominazioni.
    ... dopo aver letto questo tuo post sono sempre più convinta di dover tornare in Galles: non ho visto praticamente nulla in una settimana!!!
    Barbara
    reporterpercaso

    RispondiElimina
  2. E se ci torni, viaggia fino a Liverpool, prendi il traghetto e concediti dei giorni sulla mitica Isle of Man.
    Il Galles è già profondo, ma l'Isola è un qualcosa che va oltre ogni cosa.

    RispondiElimina
  3. Ok dai mi hai convinto.....quando ci trasferiamo per vivere qui? Condividiamo una bella villettina :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vengo anche io..vengo anche io ^-^
      che meraviglia davvero *-*

      Elimina
  4. Ma che splendido post e che foto fantastiche, partirei domani :)
    Brava amica mia!

    RispondiElimina
  5. Mi fa piacere che vi sia piaciuto il mio post su Tynwald.
    E' davvero un luogo chiave per capire l'Isola.

    RispondiElimina

Benvenuto in questo mondo fatto di viaggi e di emozioni.
Siamo tanto felici se ci lasci un commento!
Gli Anonimi non ci piacciano e se ci spammi ti scateniamo contro Torchwood

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...