Skagen, tra terra e mare

Danimarca Skagen
Images for coutersy of VisitDenmark.com
Sapete quanto io ami i luoghi estremi. E per "estremo" indico proprio un luogo posto alle estremità di qualcosa.
E' il caso di Skagen, in Danimarca, che da qualche giorno gira nella mia mente.
In caso di qualche domanda in stile brain storming, la mia risposta sarebbe sempre Skagen.
Cosa vuoi da mangiare stasera? Skagen.
Lo prendi il maglione o no? Skagen.
Sei andata in posta? Skagen.

Questa cittatina si trova sulla punta nord della Danimarca e guarda tutti i giorni il mare del Nord e la Svezia.
Potete immaginarvi che vento, potete immaginarvi il freddo dell'inverno, il buio di questa stagione ma potete anche immaginarvi lo spettacolo delle luci nordiche (la bellissima Aurora Boreale) e potete anche immaginarvi cosa voglia dire il chiarore bianco delle notti estive.
Personalmente, quando penso alla Danimarca ci sono due sole cose che mi vengono in mente: la prima, come si potrebbe pensare, non è Skagen, malgrado la costante presenza nella mia mente.
La prima è Helsingor, ovvero Elsinore, la casa di Amleto, Prince of Denmark.
La seconda è proprio Skagen.
Giorni fa leggevo che Skagen e il Natale sono indissolubilmente legate da una tradizione che racconta il Calendario dell'Avvento.
Avete presente il calendario con le finestrelle che, dalle Alpi in su, è protagonista del Natale di ogni famiglia?
Ecco, a Skagen diventa un Calendaerio vivente.
Le popolazioni nordiche sono legate ad un'idea del Natale molto meno religiosa della nostra Italiana ma profondamente tradizionale, dove la tradizione è strettamente connessa con un retaggio nordico-vichingo-mitologico da far paura.
Perché le popolazioni nordiche contano i giorni che separano dal Natale?
Questi popoli contano i giorni che separano dal Solstizio d'inverno.
Il 21 Dicembre inizia sì l'inverno ma questo inizio segna la partenza di una rinascita.
Può sembrare una contraddizione ma pensateci bene: la luce cala dal 21 Giugno al 21 Dicembre.
Dal 21 Dicembre la luce cresce, anche se siamo inverno.
L'inverno è l'inizio di una rinascita ed è la fine dell'impero del buio.
E' la luce, non la temperatura, a segnare il punto di rinascita.
Per questo motivo si contano gli ultimi 24 giorni (cambia a seconda dei paesi, a volte) di regno del buio.
Per farlo, Skagen mette in piazza i suoi abitanti e il calendario dell'avvento diventa qualcosa impersonato dagli esseri umani.
L'abete, con i suoi aghi e il suo profumo diventa protagonista in quei giorni andando a costutuire, su 24 edifici pubblici, le porticine da aprire giorno dopo giorno. Proprio come si fa con il calendario dell'avvento che si appende.
Le porte vengono aperte da vari angioletti che, con una carrozza, girano la città.

Altra ragione per raggiungere questo paesino a nord dello Jutland è il fatto che vi risiede un graditissimo birrificio artigianale.
Come sapete bene, cedo a questo tipo di proposta molto volentieri.
Si tratta dello Skagen Bryghus dove è anche possibile fare dei tour guidati e gustare dell'ottimo cibo.
A considerare la vicinanza al mare, io lo proverei.


Ma come ci arrivo a Skagen? Con la Fantasia?
No di certo!! Basta un bell'aereo fino in Danimarca, e fin qui è facile.
Poi basta un bel treno o un autobus fino a Skagen. Qui è un po' difficile perché il sito delle Ferrovie Danesi, in versione inglese, deve essere migliorato un pochino.
Ma basta un po' di pazienza e tanta voglia di viaggiare che tutto si risolve.


Images for coutersy of VisitDenmark.com

9 commenti:

  1. a dir poco FAN-TA-STI-CO ioho sempre sognato di visitare questi posti.. ma da quando vivo in svizzera il desiderio di freddo è un po' scomparso..

    RispondiElimina
  2. Grazie Liletti. Quando abbracci il grande Nord poi non se ne può più fare a meno. :)
    Vedrai che la cara Elvezia non sarà altro che aumentare questo desiderio

    RispondiElimina
  3. ovvia su, finalmente un posto dove sono stato anch'io, era il 1985 e l'ho raggiunto da Firenze a bordo della mia renault 5 rossa, dove si tavamo stipati in 4 + bagagli.
    impresa epocale comprensiva di puntatina a billund.
    Bella!

    - che hai, mal di pancia?
    - Skagen.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fantastico! Vorrei sapere di più di questo viaggio!!! Chissà com'era nel 1985 :)

      Elimina
  4. bè bellissimo sicuramente da vedere deve essere assolutamente magico! io festeggio spesso feste pagane e come spiritualità mi sento molto vicino a questi ritmi naturali. Anche qui in Italia nord tempo fa (molto) si festeggiava più o meno in questo modo e con questi simboli che poi il cristianesimo a ripreso come il pino e via dicendo ;) Dovresti festeggiare Beltane se ti piacciono queste atmosfere sicuramente ti rilasseresti e divertiresti, appena riesco ti segnalo qualche festa dalle tue parte per fine aprile. Peccato che noi non ci saremo già più ;)

    RispondiElimina
  5. Grazie mille.
    A me piacerebbe proprio essere a Nord per quella notte :)
    Maya permettendo :P

    RispondiElimina
  6. Adoro i paesaggi, i paesi dell'Europa settentrionale e la loro cultura.
    Che bello!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero? Danno proprio respiro all'anima !

      Elimina
  7. E chi va a Skage non puo' perdersi il museo che raccoglie una splendida collezione della scuola omonima ... assolutamente da vedere.

    RispondiElimina

Benvenuto in questo mondo fatto di viaggi e di emozioni.
Siamo tanto felici se ci lasci un commento!
Gli Anonimi non ci piacciano e se ci spammi ti scateniamo contro Torchwood

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...