Le Fragole di Liverpool

Liverpool England
Picture from Google Images
Premessa doverosa: a Liverpool le fragole non ci sono.
E non so nemmeno se in passato ci fossero dei bei campi di fragole ai bordi di una città che era già grande quando è nata.
Secondo disclaimer: se mai vi venisse voglia di cercare Strawberry Field a Liverpool, dimenticatevi che esiste una Strawberry Road. Quella non centra con quello che state cercando.
Detto ciò, partiamo. Siamo nel Merseyside, West England. Posto adorato.
C'erano dei bimbi che giocavano dalle parti di Newcastle road e Penny Lane e in tutto il circondario.
Un tale John e quel tale Paul si conobbero là, ormai lo sa anche l'asfalto posato ben dopo gli anni '60.
Strawberry field altro non è che un orfanotrofio (in disuso) molto vicino alle zone di giochi del nostro caro John Lennon.
L'origine della canzone che l'ha reso noto al mondo è oscura e criptica.
Quello che invece è molto chiaro è che molta gente che raggiunge Liverpool per celebrare i Beatles voglia per forza vedere i cancelli del celebre luogo.
Spesso la gente fa molto di più, ahimé. Come accade ancora con Penny Lane e con Abbey Road (quest'ultima a Londra), c'è chi si ruba il cartello col nome della strada. Piccoli grandi vandali crescono.
Strawberry field un tempo aveva una bella placca in ottone che ne citava il nome.
Quella placca venne rubata molteplici volte. L'amministrazione di Liverpool si stufò di sostituirla e pertanto il nome dell'orfanotrofio venne dipinto su una delle colonnine all'ingresso.
Ora è così e quell'ingresso è spesso chiuso con mille lucchetti, che non hanno di certo qualcosa a che fare con le mode messe in giro da Moccia.
Io ebbi la fortuna di trovare quel cancello aperto e lo era perché stavano facendo un po' di manuntenzione a quel giardino.
Malgrado l'orfanotrofio chiuso, malgrado il fatto che lì non ci sia niente (oltre al ricordo dei Fab Four), quel giorno stavano manutentando il parco.
Quella cosa mi colpì moltissimo perché pensai a tutte quelle zone in disuso nella nostra cara Italia e a tutto il casino che ci si può trovare.
Una delle cose che più amo di Liverpool è proprio il suo understatement relativo ad un'impronta così grande come quella dei Beatles: vero che in Mathew Street ci sono i negozi con le mille memorabilia di Paul & Co.
Vero che ce lo si ricorda ad ogni passo che siamo nella città dei Beatles, ma non troveremo mai quella assidua voglia di accalappiare il fan o il turista che c'è troppo spesso nel Belpaese.
Ho vistro Strawberry field il silenzio, in un giorno d'inverno, proprio quando la luce si trasformava in crepuscolo.
Ho calpestato la terra di Strawberry field pensando alle mille storie che l'hanno vista protagonista: i giochi di un John Lennon bimbo e le vicende di tutti quei bimbi senza genitori che, in quel parco, riconoscevano la loro casa.
Sono stata felice di esserci andata perché quel luogo è un altro tassello del puzzle che rappresenta Liverpool dentro al mio cuore.
Let me take you down 'cause I'm going to Strawberry Field, nothing is real...
Se vi andrete, vi sarà impossibile non ricordarla al primo accenno di queste parole.
Per raggiungere Strawberry Field dal centro di Liverpool prendete l'autobus 75, quello che va verso Halewood e chiedete all'autista di segnalarvi dove scendere.
Se invece siete in vena di passeggiare per un pezzo di Liverpool alquanto real and strong... beh, prendete (sempre dal centro) l'autobus 86 e chiedete di scendere a Penny Lane.
Da lì c'è un po' di strada ma di sicuro non è male.
Mi sento di dirvi che non è una zona turistica e pertanto non fate sentire le persone che vi abitano come degli animali osservati allo zoo.
Siete in mezzo ad una vera Beatles experience e sono sicuri che l'apprezzerete.


10 commenti:

  1. Grandi i Beatles... grande il post! :-)

    RispondiElimina
  2. Lo segnalo a un amico che è andato a Londra per visitare i luoghi dei suoi musicisti preferiti :^)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di' al tuo amico che prenda un bel treno e se ne vada a Liverpool :)
      Quest'anno è più bella di sembre (lacrimuccia e faccia nostalgica)

      Elimina
  3. Bellissimo, io la canticchio da stamattina che ho letto il titolo del post su facebook, ma non avevo fatto in tempo a leggerlo ;) Oggi hai causato il mio tormentone ;)

    RispondiElimina
  4. A.prezzo! A.prezzo!! Amo i Beatles!
    A presto
    Andrea

    RispondiElimina
  5. Ecco, appunto. Lassù i parchi li curano, mica come dalle nostre parti.
    Che bello questo squarcio di Liverpool che ci hai offerto, mi fai venire voglia di partire! E quasi quasi...

    RispondiElimina
  6. @Wyw: spessissimo questa canzone è il mio tormentone

    @Andrea: Benissimo! Adorare i Beatles fa bene alla salute

    @Miss: parti cara Miss... parti :)

    RispondiElimina
  7. Bellissimo. Non ci sono mai stata a Liverpool!
    A Londra ancora nessuno si è portato via pezzi di asfalto con le strisce pedonali? Assurdo, però immagina chi si tiene dentro casa quella placca e la mostra tutto fiero agli amici... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che ormai le strisce di Abbey Road vengano dipinte a settimane alterne, dato il consumo :)

      Elimina

Benvenuto in questo mondo fatto di viaggi e di emozioni.
Siamo tanto felici se ci lasci un commento!
Gli Anonimi non ci piacciano e se ci spammi ti scateniamo contro Torchwood

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...