El dia del Mexico

Festa nazionale Messicana

Forse è colpa del fatto che sto ascoltando Santana con Manà.
Forse è perché ho assaggiato delle fajitas per pranzo ma son qui che sto ricordando con immensa gioia un giorno bellissimo trascorso a Città del Messico.
Tutto ciò mi fa pensare che Settembre (cadono le foglie, ormai ci siamo) sia il mese giusto per il Mexico.
Adesso andiamo con ordine, vi racconto per bene.
Il Messico festeggia la sua indipendenza il 15 Settembre.
A dire il vero l'atto di indipendenza ufficiale venne firmato nel mese di Novembre ma in quei giorno (o il 16 Settembre, secondo alcuni) cominciò l'insurrezione di Manuel Hidalgo e, grazie alla nascita di quel movimento (e molto altro) si ottenne l'indipendenza della nazione.
I messicani sono molto legati al mese di Settembre e troverete feste, sagre, ricchi premi e cotillons in tutta la federazione messicana.
Anni fa andavo sempre in ferie in Settembre: costava meno, c'era meno gente e soprattutto spesso il clima non è niente male.
Prima di cadere in discorsi da nonna tipo "al mare è meglio andare a giugno e settembre" vi dico che io e la mia migliore amica, per un viaggio di circa 20 giorni, abbiamo speso circa 1000€ a testa, volo compreso.
E ci siamo ingozzate come non so cosa.
Il 15 settembre eravamo a Puerto Escondido e la festa si faceva già sentire alla grande.
Il proprietario del nostro ostello chiese a tutti se volevamo fare una cena assieme per celebrare il Messico e non ci tirammo di certo indietro. Secondo voi chi è finito dietro ai fornelli?
Ebbene sì ...  l'Italia è stata scelta come cuoca ufficiale della serata e quella sera non so quanti kili di pasta al pomodoro abbiamo prodotto.
Una volta riempito il pancino siamo finiti tutti in pieno centro a Puerto dove orchestre di Mariachi di ogni dove si stavano sfidando alla canzone più bella.
Abbiamo ballato e riso come non so cosa e il giorno dopo siamo salite sul volo per Città del Messico in condizioni a dir poco disonorevoli.
In volo dormii, me lo ricordo bene, e quando arrivai a Città del Messico non sapevo che pensare.
"Mi ripiglio o cosa faccio?", saremmo rimasti nella capitale solo fino alla sera seguente e poi saremmo tornate a casa. Eravamo in giro da fine agosto e ci stava un ritorno per poter raccontare tutto e per poter sentire la nostalgia nel cuore.
Dormivamo in un posto eccezionale, proprio davanti al palazzo presidenziale.
Arrivando con la metropolitana lì vicino, attraversammo lo Zocalo con zaino e mille cose al nostro seguito e ci rendemmo conto di quanto festosa fosse la città.
Non si poteva andare a dormire, dovevavo vivere il Messico per quelle poche ore che ci restavano su quella terra.
Eravamo in pieno "Dia del Mexico" che sembrava durasse da un mese: c'era musica, gente che ballava, girandole colorate e frittelle di ogni tipo che noi provavamo senza indugi beveno la più buona delle Birre Bohemia mai assaggiate in quel viaggio.
C'era un palco grande, al momento occupato dalla consueta orchestra stile mariachi dalla quale arrivava una musica che voleva solo dire allegria.
Scendeva la sera mentre loro intonavano la più messicana di tutte: Cielito Lindo.
Sembrava fosse stato intonato l'inno nazionale, tutta la piazza a ballare e cantare e noi con loro.
Fu fantastico e mi sembrava di volare in mezzo a quell'allegria patriottica.
Era tempo di cambio sul palco, non sapevamo minimamente chi doveva arrivare ma eravamo pronte a tutto e tutti, considerando che non appena approdate in aereporto ci accompagnavano Nek, la Pausini e Ramazzotti on air.
Ridendo e scherzando il gruppo stava entrando: boato, giubilo, mega applauso della folla.
Erano i Manà. Mi faceva molto piacere perché finalmente c'era del Messico contemporaneo sul palco.
Avrei gradito la sopresa della comparsa di Santana ma l'esecuzione di Corazon Espinado fu magistrale.
Non sapevo le parole delle altre canzoni (esclusa En el muelle de San Blas) ma mi sgolai, ballai, sudai, festeggiai quella nazione bellissima che mi aveva accolto a braccia aperte.

Se qualcuno di voi ha in programma un po' di Messico a Settembre, si fermi per me a festeggiarlo nel migliore dei modi.

7 commenti:

  1. Di recente, su Focus TV (canale 56 digit terrestre), hanno trasmesso un documentario proprio sul Messico e ne sono rimasto davvero estasiato. Chissà se andrò mai in quella terra, per il momento fantastichiamoci un po' su! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il messico è un luogo bellissimo e va esplorato con calma, al di fuori delle mete turistiche più gettonate.

      Elimina
  2. Bellissima storia Giovy e che bella esperienza soprattutto quella di essere stata scelta come cuoca, io lo fare al volo, sono contenta che tu abbia provato così tante belle emozione di gioia, quando andremo in Messico mi ricorderò di andarci in occasione di questa festività allora ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi raccomando... fatemi sapere se andrete in Messico!
      Già questo blog è ricco di racconti... ma ci sono tante cose da raccontare ancora.

      Elimina
    2. Immagino immagino, non si possono esprimere tutte le emozioni di tutto un viaggio in un solo post chissà quante avventure che ci nascondi ancora ;) T facciamo un fischio per il Messico come per tutto il resto ahaha

      Elimina
  3. Ma magari, Giovy!
    A me il Messico piacerebbe molto, ma mi sa che verrà prima la Route66, poi il Giappone, poi magari... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande Claudia e mi raccomado... scegli il messico giusto! :)

      Elimina

Benvenuto in questo mondo fatto di viaggi e di emozioni.
Siamo tanto felici se ci lasci un commento!
Gli Anonimi non ci piacciano e se ci spammi ti scateniamo contro Torchwood

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...