No Panic: ovvero manca poco...

Consigli quando manca poco alla partenza
E' un po' di giorni che ci penso e poi è arrivato un post di Claudia che mi ha fatto dire che era definitivamente ora di metter giù qualche parola sul concetto di No Panic pre-viaggio.
Di come scegliere i giusti compagni di viaggio e su come fare i bagagli senza cedere ad eccessi ho già scritto.
C'è però da gestire una serie di questioni, materiali e emozionali, che ... insomma... diciamocelo... ogni tanto, prima di una partenza, andiamo in panico.
Io, personalmente, tendo alla super organizzazione pre-partenza, anche se sono capace di cavarmela alla grande anche in fase di "partiamo tra un'ora".
Spesso sogno talmente tanto i miei viaggi da vivere una vera e propria gestazione di mesi prima di poter spiccare il volo.
Durante questa gestazione ho la possibilità di organizzare tutto l'organizzabile e arrivare ad un paio di settimane dal viaggio un po' tranquilla giusto per far sì che la fase organizzativa dorma e che si svegli quella dell'agitazione.
Proprio come raccontava Claudia.
Uno dei pensieri che mi prende più i di altri è quello di dire cose tipo "tra una settimana a quest'ora sono là" oppure "tra dieci giorni a quest'ora sono in compagnia di una buona real Ale".
Proprio ieri, in ufficio, m'è uscita una cosa del genere.

Premesso che ognuno di voi è diverso da altri e probabilmente da me, ecco qualche semplice modus operandi pre viaggio:

  • Mancano 15 giorni: fate mente locale su quello che dovete portarvi via.
    Non sempre nella destinazione che abbiamo scelto c'è lo stesso clima di casa nostra. Onde evitare di arrivare a frasi tipo "ti ricordi dove ho messo il maglione pesante?" un giorno prima della partenza, meglio cercare di localizzare le cose che servono all'interno della nostra casa.
    Per me, ad esempio, è necessario ricordarmi dove ho metto l'adattatore alla presa elettrica inglese.
  • Mancano 10 giorni: check list dei medicinali.
    A volte servono, a volte no... meglio controllare quello che abbiamo in casa e per avere tutto il tempo di richiedere eventuali ricette al nostro medico o di andare in farmacia
  • Manca una settimana: hai pagato tutto quello che riguarda la casa?
    Le bollette scadono anche mentre siamo in vacanza. Meglio evitare problemi e fare un piccolo controllo su quello che dovrebbe scadere mentre siamo in viaggio. Così quando tornerere non ci saranno brutti solleciti nella cassetta della posta.
  • Manca una settimana/2: tu lo sai quante mutande hai nell'armadio? Io no e le conto prima di ogni viaggio per controllare di averne abbastanza da usare e da portarmi dietro. Giusto per non arrivare a lavatrici di emergenza la sera prima di partire con annessa asciugatura col phon.
  • Manca una settimana/3: metti da parte tutto quello che vuoi portarti via e che non è indispensabile usare. Hai presente quella maglietta che è infondo all'armadio e che ti sei scordato di avere? Ecco, è il momento di usarla al posto della tua preferita che, ovviamente, viaggerà con te.
  • Meno 4 giorni: questa è una mia personale scadenza:
    Trattasi della prova generale della partenza... ovvero controllo tutti i documenti che devo portar con me come se fossi al check-in dell'aeroporto.
    Ricontrollo anche il meteo... giusto per vedere se c'è qualcosa di eccessivo nel mio zaino
Arrivata qui io ho già mille farfalle di felicità dentro allo stomaco e la mia mente è già partita.
A dire il vero sono mesi che è partita. Devo solo farla ricongiungere col mio corpo.

E voi, cosa fate prima di partire? Come vi organizzate?

11 commenti:

  1. Manco a dirlo, abbiamo lo stesso modus operandi.
    Nella mia lista delle cose da fare aggiungo solo il fatto che devo occuparmi anche di portare i gatti dai "nonni", e di gestire l'inevitabile ansia da abbandono...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi invece portiamo le piante dai "nonni" :))) che ridere...

      Elimina
  2. Ciao Giovy, ciao Ari, la mia ansia non è nelle cose da preparare, ma nella destinazione che mi attende! Di solito non sono mai agitata, ma il solo fatto di non poter parlare inglese per risolvere qualsiasi problema, mi crea qualche problemino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedrai che andrà benissimo!! :)

      Elimina
  3. Giovyyyyyy il mio modus operandi è pessimo! Devo partire tra 2 giorni e devo fare ancora un sacco di cose :(. Ma imparerò e ora ho una super insegnante :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Organizzati per bene in questi due giorni e poi salutami l'Isla Grande!!

      Elimina
  4. Cara Giovy, non viaggio quanto te, indi sicuramente sono meno abituato a dover pensare ed organizzare viaggi. La cosa che più mi lascia perplesso è il tempo impiegato per fare la valigia: due giorni, è patologico?? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credo esista un tempo adatto... ognuno ci mette il tempo che vuole.
      Due giorni però non sono troppi ... dai...

      Elimina
  5. Io le valigie le preparo sempre prima.
    Con una costante, invariabile.
    Porto sempre troppa roba! Una volta fatta la valigia dovrei svuotarla di metà del contenuto, come minimo.
    Baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando faccio le mie borse... prima di chiuderle tolgo sempre un paio di cose.
      Credo sia una costante invariabile per molti cara Miss! :)

      Elimina
  6. Utilissimi spunti! Soprattutto per me che sono una iper-organizzata :D

    RispondiElimina

Benvenuto in questo mondo fatto di viaggi e di emozioni.
Siamo tanto felici se ci lasci un commento!
Gli Anonimi non ci piacciano e se ci spammi ti scateniamo contro Torchwood

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...