Quel Green Man nascosto a York

York Inghilterra

Succedono cose strane quando si è in giro per York.
Figuriamoci dentro al Minster!
Il Minster... perdonatemi il gioco di parole alquanto basso ... è Mister York, ovvero la Star, ovvero the must.
Ti si prospetta davanti quando esci dalla stazione quasi volesse farti capire subito chi comanda, con tutta quella magnificenza, prestanza e cotanta altezza.
Il Minster di York è un qualcosa che, da solo, vale il viaggio verso lo Yorkshire, ci volessero anche miliardi di ore di treno o chissà che viaggio fatto con tutti i mezzi.
Ma, dentro quella chiesa, succedono cose strane ... soprattutto incontri strani come tante teste coronate venute dal passato, come le bandiere di chissà quanti reggimenti britannici.
Non è di questo che mi preme scrivere oggi.
Ma ve ne parlerò, promesso.
Un paio di giorni fa mi è capitato sott'occhio il fatto che in Galles si terrà il Green Man Festival, un momento rock di tutto rispetto.
Le mie sinapsi si sono subito messe in moto e mi sono ricordata proprio della visita che io Gian abbiamo fatto a York.
Sono stati due giorni molto intensi e noi eravamo già stanchissimi in partenza perché arrivati da un anno di lavoro abbastanza massacrante.
Ci addentrammo nel Minster con l'idea di salire anche su uno dei torrioni principali.
Il biglietto del Minster, infatti, vi si presenterà sotto due tipologie: solo la cattedrale o la cattedrale più la torre.
La voglia c'era ... ma le gambe non reggevano tutti quei gradini quel giorno.
Il biglietto non costa poco, parliamo di circa 14£ ma sappiate fin da ora che l'entrata che comprate dura un anno. Indi per cui ... non buttate via lo scontrino!!!
Io e Gian ci aggiravamo per quella cattedrale con mille sentimenti nel cuore.
La stanchezza ci portò a sederci per un po' vicino alla cappella dedicata ai reggimenti militari.
Lì c'era meno gente, ce ne stavamo un po' in disparte.
Non appena ritrovate le forze, ci avviammo verso la Chapter House, unica parte circolare e, a mio avviso molto mistica, della cattedrale.
Entrando verso la Chapter House butto l'occhio su di una collonna. Era adornata da un Green Man.
I miei occhi si spalancarono per lo stupore e furono seguiti, di lì a poco, da quelli di Gian quando gli feci notare la decorazione.
Ecco qualcosa che ho scoperto in England e che amo dei luoghi di culto inglese: la loro commistione di credenze, culti, importanza e importanze.
Dentro c'è molto di sacro, molto di profano, credenze antiche che di perdono nel profano eppure coesistono con una religiosità importante e marcata.
Il Green Man arriva da ancestrali culti celtici e si perde davvero nell'epoca più profana delle isole britanniche.
Simboleggia la natura e la sua unione con l'umano, unione che dovrebbe essere totalmente simbiotica, perfetta e rispettosa.
Il Green Man viene raffigurato, amato, temuto, venerato.
Soprattutto rispettato perché lui è il signore della Terra e perché lui la feconda rendendola qualcosa di speciale.
Ho pensato che quel trovare il Green Man dentro la cattedrale fosse per me una specie di buon auspicio per il viaggio che io e Gian stavamo cominciando.
Il Green Man si palesa quando vuole lui, dicono.
Il Green Man raramente sorride, ma infonde certezze e tranquillità.

E lui è là, dentro la Cattedrale di York ... pronto ad incontrare tutti i viaggiatori con il cuore aperto.


3 commenti:

  1. Tu ragazza mi vuoi far morire.
    York no, ti prego non me lo puoi far ricordare.
    Splendida città, cammirare lungo quelle mura,
    la cattedrale, il museo dei carillon ancora impresso nella mente, ho ancora come segnalibro un peter coniglio comperato in una piccola edicola sotto il castello. Dalla stazione la prima telefonata a casa da una cabina mangia sterline dopo una settimana che ero in viaggio. Adesso come faccio mi vien voglia di ripartire.
    Buon week end cara Giovy
    Angela

    RispondiElimina
  2. Grande Giovy, che splendido racconto...mi affascinano le cattedrali, questa un particolare!
    Baci!

    RispondiElimina
  3. Care le mie Reading Ladies,
    felice che il post vi sia piaciuto... :)
    Facciamo che partiamo subito per York?
    Almeno là fa fresco...

    RispondiElimina

Benvenuto in questo mondo fatto di viaggi e di emozioni.
Siamo tanto felici se ci lasci un commento!
Gli Anonimi non ci piacciano e se ci spammi ti scateniamo contro Torchwood

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...