Con i piedi nelle pozzanghere...

Viaggiare con la fantasia

Allora... questo è un viaggio nel tempo.
Avevo sei anni o giù di lì ed ero in prima elementare. AD 1984... oddio sono vecchia.
Anyway, in quel tempo ciò che andava per la maggiore per noi bimbi era Bim, Bum, Bam ed io, che facevo tempo pieno, tornavo a casa giusto in tempo per il secondo o terzo cartone animato.
Fu proprio in quel periodo che la sottoscritta passò da un totale periodo di Robot e Astronavi a qualcosa di più femminile, dove però un'astronave c'era sempre.
Non divenne mai la mia astronave preferita, ma stimolò a bomba la mia (già intensa) curiosità di bimba.
Sto parlando de L'Incantevole Creamy e a me poco importava di Creamy che cantava o di Toshio. A me importava di quei due strani gatti dal nome Posi e Nega e mi importava di quell'astronave evanescente che era comparsa a Yu un giorno mentre tornava da scuola.
Un pomeriggio stavo tornando a piedi verso casa mia.
Tornavo (e andavo) sempre a casa da sola, con la chiave di casa appesa al collo da un nastro rosso.
Erano circa le 16.30 e di norma ci mettevo una decina di minuti.
Non ero mai sola: con me c'erano tanti compagni di sventura che, come la sottoscritta, avevano genitori dai lavori impossibili e pertanto eternamente non presenti per motivi non dipendenti dalle loro volontà.
Passo dopo passo, a me e all'Anna B. venne in mente che Yu vide l'astronave evanescente proprio quando i suoi piedi toccavano le pozzanghere.
Fu così che pozzanghera dopo pozzanghera provanno anche noi, con i piedi ben fermi dentro l'acqua e il fango, ci aggingemmo a cercare di scorgere quell'astronave che, evidentemente, a noi non si voleva mostrare.
Eravamo così prese dalla nostra ricerca che eravamo anche disposte ad immaginarcela in cielo quell'astranove.
Ma lei no... lei si era mostrata a Yu e da noi non veniva.
Allora a me e all'Anna B. non restò altro che cambiare fantaviaggio.
Riponemmo Creamy, Posi e Nega e anche Yu con Toshio.
Riponemmo tutto quello e ci tenemmo bene strette dentro al nostro cuore una meta vera, un qualcosa che prima o poi avremmo sicuramente toccato.
La nostra meta, il nostro tardare di ogni ritorno da scuola fu il Rifugio Fraccaroli, perla delle Prealpi Venete, un luogo in cui i nostri genitori, amici di famiglia, zii e cugini più grandi erano tutti già approdati.
Noi, troppo piccole ancora, non eravamo ancora ritenute all'altezza di un'impresa montana simile.
Ma eravamo già parte degli scouts, camminavamo in montagna dall'asilo o giù di lì.
E allora cosa vuoi che sia? Ci creiamo il nostro di Fraccaroli e via... dritte fino a quello.
Il nostro personale Fraccaroli era la casa dove abitavo io e dove abitava la nonna dell'Anna B.
Passo dopo passo ci immaginavamo quel banale ritorno da scuola come un'impresa.
Qualche anno dopo, non tantissimi a dire il vero, mio fratello Davide mi chiese se volevo andare in montagna con lui. Mi disse che saremo saliti fino al Fraccaroli ed io fui così felice da non saperlo definire.
Arrivare al rifugio non fu facile, si camminò per ore.
La prima ferrata non te la scordi mai.
Ma vuoi mettere la bellezza di abbinare il fantaviaggio che m'ero fatta mille volte con la realtà e la bellezza della montagna sulla quale vivevo un'esperienza unica?!

Il Fraccaroli - www.clickalps.com
A chi interessa, uno dei percorsi per raggiungere il rifugio è reperibile qui

8 commenti:

  1. Questa cosa delle pozzanghere non la ricordavo proprio! Comunque era anche uno dei miei cartoni preferiti... quanto tempo, madonna.

    RispondiElimina
  2. Troppo tempo, troppo.

    Cmq il mio preferito (e la mia astronave preferita) era Starzinger.
    Principessa Aurora rules!

    RispondiElimina
  3. ^_^ Spesso guardando ai cartoni che vedevamo mi chiedo come mai non ci siano più di noi con i capelli tinti di blu, verde, rosa... il rifugio però è fantastico!

    RispondiElimina
  4. Ma che tenerezza questo post...e poi un fantaviaggio realizzato è qualcosa di impagabile!
    Baci tesorina!

    RispondiElimina
  5. Che bello questo tuo racconto...
    Non sapevo dove volevi andare a parare... Ma sei geniale nello scrivere, lasciatelo dire!!!

    ps detto tra noi... Toshio mi piaceva eccome... :P

    RispondiElimina
  6. Grazie Devis... tu sei sempre gentilissimo!

    RispondiElimina

Benvenuto in questo mondo fatto di viaggi e di emozioni.
Siamo tanto felici se ci lasci un commento!
Gli Anonimi non ci piacciano e se ci spammi ti scateniamo contro Torchwood

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...