Albi la Rouge

Francia Albi

Ecco un luogo che se non ci fossi passata vicina in auto e non avessi fatto un piccolo collegamento dentro al mio cervello... beh... non mi sarei mai fermata ad esplorarlo.
Sto parlando di Albi ... detta anche Albi la rouge per le sue case di mattoni rossi e per il grande e storico contrasto con Tolosa che di norma è detta la ville rose.
E poi rouge è rosso, rosso fa sangue... vuoi che non ci sia un passato torbido dietro ad albi?? E poi a me ricorda altro ... albi ... albi... cosa mi dici? Albigesi... albigesi... crociate... eretici... lotte intestine... andiamo!!
Questo è stato il sillogismo che si è preso altamente possesso della mia mente solo alla vista di un cartello stradale che riportava il nome della città.
Malgrado il mio sragionare e straparlare... ad Albi ci arrivai e mai sillogismo pazzoide fu più azzeccato.
Se vi trovate a sud della Francia diretti verso l'Atlantico, fate un pensierino su Albi perché non ve ne pentirete.
Romana, Visigota e amata da Pipino il Breve, questa città fatta di mattoni rossi potrebbe raccontarne a bizzeffe su chissà quanti anni di storia.
Poi arrivarono i Catari che, nel Tredicesimo secolo venivano cacciati da ogni luogo della Liguadoca, e la città divenne centro dell'eresia Catara e i Catari divennero Albigesi. Qui trovarono la loro pace, forse, finché  col passare dei secoli non arrivò in Francia Caterina de' Medici (guardatevi la Reine Margot di Chéreau a tal proposito) che volle estirpare dal cuore di Francia ogni eresia, ogni credo che non fosse cattolico romano.
E quindi giù di lotte intestine, fuge, persecuzioni. E Albi vide tutto questo mentre la sua cattedrale immensa restava inerte ma che, nel suo piccolo... dentro ogni mattone, probabilmente piangeva la libertà dei suoi abitanti.
Nel frattempo andava avanti, cresceva, esaltava la cultura e cercava di essere una città normale... la nostra Albi. Ci vissero scrittori e anche pittori.
Forse era il buen retiro di qualcuno che voleva scappare dalla città e che si voleva rifugiare a metà strada tra i Pirenei e l'oceano.
Io ci arrivai in un giorno d'estate fatto di caldo intenso e di nuvoloni in prossimità dell'orizzonte.
Ci arrivai varcando il suo ponte bellissimo... che risale ad epoca romana... ci arrivai camminando per le sue vie e ammirando quel colore tra il rosso e il rosa che tanto caratterizza il suo della Francia... lì, ad ovest.
Mi sono fermata sotto gli alberi dei suoi parchi a mangiare un panino commentanto per l'ennesima volta quanto il pane sia buono in Francia ma ugualmente quanto i francesi non sappiano affettare le jambon.
Avrei voluto che quei nuvoloni scaricassero a terra tanta acqua per gustarmi l'odore della pioggia in un tipico giorno d'estate, quando bagna in pavé e l'odore del caldo e della terra si mescolano assieme.
Avrei voluto forse dedicare più tempo a quel borgo tanto particolare eppure non troppo considerato nei normali itinerari di viaggio del sud della Francia.
A volte mi compiaccio proprio nel pensare a quel mio viaggio in quelle terre.
Lo faccio perché sono felice di aver trovato posti che di solito la gente considera poco... o almeno lo fa la gente che conosco io.
E' come se dentro la mia mente esistesse una Francia fatta come piace a me... e a me sola. Albi ne fa di certo parte.

8 commenti:

  1. Il tuo angolo di paradiso francese...
    La mia prima tappa in Francia sarà però Parigi: è troppo tempo che sogno di vederla!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parigi merita proprio (c'è anche un post che la riguarda su questo blog). E' una capitale così immensa che non basterebbe una settimana per vederla.
      E' forse quella l'unica Francia che può essere chiamata tale... :)

      Elimina
  2. Adoro la Francia. Sembra quasi appartenere a un altro mondo.

    Invece io sono tornata da una settimana dall'Algeria. Purtroppo ero lì per lavoro e non ho potuto vedere quanto avrei voluto... mi riprometto di tornarci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh... grandioso... mi devi raccontare com'è! :)

      Elimina
  3. Che bel posticino magico... Ecco qua ci posso andare tranquillamente... niente aereo.
    ps parto domani per la svizzera con data da destinarsi per il rientro :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto ... niente aereo... mitico che vai in Svizzera... ti invidio!

      Elimina
  4. Ma che posto fantastico, ecco questo proprio me lo segno, mi piacerebbe andarci! Grande Giovy, segnali sempre posti speciali!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava Miss... e se ci vai poi mi devi dire come ti è sembrato.

      Elimina

Benvenuto in questo mondo fatto di viaggi e di emozioni.
Siamo tanto felici se ci lasci un commento!
Gli Anonimi non ci piacciano e se ci spammi ti scateniamo contro Torchwood

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...