Tu quoque Manchester

England Manchester

Ero a pranzo ieri e con la mia amica Agnese si fantaviaggiava con la mente.
Già per me è difficile non fantaviaggiare, in più se trovo un interlocutore con la mia stessa attitutide... beh... il risultato è facilmente intuibile.
Considerandoci noi delle Britalians, l'argomento intavolato riguardava la bellezza di Liverpool.
Io sono altamente di parte a riguardo di quella splendida città del Merseyside e il fatto che Santa Ryanair non voli più verso il John Lennon Airport ha generato in me non poca tristezza.
Il personale dell'aeroporto di Liverpool doveva vedermi almeno una volta all'anno per non preoccuparsi per la mia vita. Ora come faranno?
Santa Ryanair non m'ha lasciato a digiuno del tutto.
Ha pensato bene di spostare a Manchester tutti i voli che prima si dirigevano verso la città dei Beatles.
Poco male... La distanza tra le due città è poca e i treni sono frequentissimi.
Sicché il discorso mio e di Agnese è passato al binomio Manchester + Shopping che ho già avuto modo di sperimentare alcuni anni fa.
Più che la sottoscritta, fu la malcapitata carta di credito a dare sfoggio di se in quel giorno passato a capire dove fossi finita in quella grande città.
La mia prima sensazione legata a Manchester fu infatti che si trattasse di un posto immenso.
Non so come spiegarlo bene ma nemmeno Londra mi ha mai dato una sensazione simile.
E' come se non fossi mai riuscita ad individuare un centro città reale e che tutto, ma proprio tutto, fosse sparso secondo una strana entropia alla quale non ho mai trovato spiegazione.
Vidi Manchester di nuovo quasi come fosse un film l'anno scorso quando, andando verso York, il treno l'attraversò lentamente... stazione dopo stazione... quasi come volesse darmi la possibilità di gustarmela quel poco da far nascere in me una curiosità immonda.
Nell'osservarla dal treno ebbi la sensazione totale che mi piacesse molto di più della prima volta.
Adorai tutto quel recupero industriale in zone limitrofe alle stazioni (che sono tante a Manchester).
Amai al primo istante il constrasto di nuovissime costruizioni in "tutto vetro" e riflessi con le vicinissime e restaurate costruzioni in mattoni rossi che fanno tanto Inghilterra del Nord, che fanno tanto Life on Mars e Manchester negli anni '70.
Provai anche un piccolo brivido nel passare sotto le curve dell'Old Trafford malgrado a me del calcio non freghi proprio niente.
Sicché ho come idea che lascerò uno spiraglio aperto nel mio cuore e un bel cassettino con sopra l'etichetta Manchester ... perché ho come idea che io e quella mega città del North England abbiamo davvero voglia di conoscersi. E chissà mai che ne avremmo la possibilità, sooner or later.

Il pranzo mio e di Agnese si è concluso con la riflessione che davvero quella zona del mondo ... quella che dice Nord in generale ... ha messo un semino nel nostro cuore.
Un piccolo sassolino che lo fa pulsare ogni giorno e genera così tanto desiderio da sentirsene davvero conquistati.
Anche il viaggio è sempre una questione di Amore.

12 commenti:

  1. :-) adoro Manchester (pronunciato con l'accento tonico sulla prima "e"), solo che l'ultima volta che l'ho visitata è stato 4 anni fa. Julie mi ha detto che la city si è ingrandita ancora maggiormente. Ciao bellaaaa

    RispondiElimina
  2. Ovvio che la pronuncia corretta è fantastica!! :)

    RispondiElimina
  3. ciao!
    spero che risultino graditi i miei ricordi di viaggio,
    su Andalusia e Irlanda...

    un saluto
    Gianni

    ps a Manchester ci gioca (sponda M.City) quello scemo
    di Balotelli...non se lo merita !

    RispondiElimina
  4. I ricordi di viaggio sono sempre graditissimi

    RispondiElimina
  5. Io evito sempre le grandi città nei miei viaggi in UK,
    mi mettono ansia e mi riportano allo stress quotidiano del correre sempre, preferisco le lande desolate, dove non incontro anima viva.
    Buon weekend
    Angela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io adoro i luoghi isolati ma un paio di giorni "urbani" me li riservo sempre... :)

      Elimina
  6. "Manchester, England, England, across the Atlantic Sea..."
    Ogni volta che ascolto questo motivetto in "Hair" sento come un richiamo verso quella parte di England.

    RispondiElimina
  7. E io penso che ci tornerai presto, da quelle parti!
    Dal tuo racconto attira anche me!
    Baci!

    RispondiElimina
  8. Vivendo a Bristol, sono secoli che mi propongo di andare a Liverpool, soprattutto quando un paio d'anni fa e' stata capitale della cultura, or something similar.

    Quest'anno e' nella shortlist. Chissa' che sia la volta buona!

    RispondiElimina

Benvenuto in questo mondo fatto di viaggi e di emozioni.
Siamo tanto felici se ci lasci un commento!
Gli Anonimi non ci piacciano e se ci spammi ti scateniamo contro Torchwood

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...