Quando Gasteiz fa rima con Politica

Gasteiz Vitoria Paesi Baschi
(Foto © 2012 Giovy)

Leggevo qualche giorno fa sulla versione cartacea de L'Internazionale un interessante trafiletto sulla questione Basca. Parlava di una manifestazione che, tenutasi a Bilbao, rimarcava la speranza di trasferire i prigionieri politici in territorio Basco anziché Spagnolo.
Aldilà del fatto che non è materia mia discutere di politica interna spagnola, sulla questione Basca ce ne sarebbe molto da dire.
Quando raggiunsi la non troppo piccola Heuskal Herria non sapevo che pensare e soprattutto non avevo la benché minima idea di quello che fosse il peso delle problematiche politiche.
Mi spiego meglio. Ci sono nazioni che esternano maggiormente le loro problematiche interne attraverso la stampa, i manifesti, i murales e i monumenti.
A volte questo rendersi visibili in senso politco può essere una questione di regime. Spesso di resistenza.
Il primo giorno in cui andai in spiaggia in quel di Mutriku, ci andai per riposarmi del tanto vagare tra Alpi, Camargue e Pirenei.
Ci andai con l'intento di fare il bagno, dormire tranquilla al sole e respirare aria buona.
Non avrei mai pensato che al mare con me ci venisse anche la politica (giusto per dovere di cronaca, guardate questa foto che ho scattato quel giorno).
Lei era lì bella bella spaparanza su di una spiaggia Atlantica con me.
Decisi quindi di andare ad approfondire la cosa e lo feci a più tappe.
La prima di queste fu Gasteiz, al secolo (o come direbbero gli spagnoli più borbonici) Vitoria.
Amministrativamente è la capitale della provincia di Vizcaya (anche se il capoluogo sarebbe Bilbao) e lì vi risiede il parlamento Basco, primo barlume di attuata autodeterminazione polica attuale.
La città è intrisa del suo destino politico ed è piena di rimandi alla lotta, lecita o meno, di organismi come l'Eta o come i partiti indipendentisti.
Quel giorno era silenziosa e un po' piovosa.
Ero un giorno feriale di pieno Agosto ma si vede che lì tutti lavorano.
Il centro era zeppo di manifesti in basco di ogni genere. Ogni casa esponeva fieramente la propria Ikurrina.
I negozi di souvernir erano pochissimi e tutti concentrati nella parte centrale della città.
Praticamente un fazzoletto rispetto alla sua estensione.
La gente di Gasteiz è, probabilmente, poco abituata a vedere dei turisti o dei viaggiatori.
Spesso mi sentivo osservata perché mi arrapicavo chissà dove per una foto.
Mentre giravo ricomiciò a piovere e trovai rifugio in pieno centro in una specie di centro sociale anch'esso pieno zeppo di Gora Euskadi che dir si voglia.
Fu lì che mi fermai di più a leggere e a capire.
Fu lì che incontrai una specie di custode che, con storicissima cognizione di causa, mi spiegava le ragioni di certe lotte interne alla nazione spagnola.
Fu lì che probabilmente intesi la questione e la vidi come mai l'avevo vista prima.
Capii innazitutto che una terra non po' essere straniata dalla sua radice polita.
Fu lì che intesi che, più diverso ti senti, più lotterai affinché la tua diversità diventi realtà e con tale realtà diventi nazione.
Fu così che capii in pieno come dev'essere difficile nascere in un luogo del quale non ti senti parte.
Fu lì che soppesai seriamente la nobiltà di alcuni intenti e la pesantezza (errata) di alcuni mezzi per determinare questa nobiltà.
Quel ragazzo mi disse che era stufo di bombe e di teste incapucciate al tg per rivendicare qualche attentato.
Era stufo anche di teste coronate e di aver paura ad uscire di casa.
Tutto ciò che voleva era semplicemente alzarsi alla mattina e dire a tutti "Lo sai, io sono Basco!!!??"
Gasteiz mi ha insegnato questo.
E a chi va verso i Paesi Baschi dico di trovare un piccolo momento per far sì che questa città parli ancora.
(Foto © 2012 Giovy)

9 commenti:

  1. Ecco visto il tutto da un'altra ottica... Altrimenti ne sento parlare solamente nei telegiornali (o giornali)
    Ti abbraccio fortissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere che ti sia piaciuto il mio post!

      Elimina
  2. Grazie Giovy, l'immagine che arriva a noi è proprio tutt'altra. Non si avverte che è un intero popolo a rivendicare l'autonomia.

    RispondiElimina
  3. I know that this is a good story that your article came to blogs of note. :)
    Unfortunately I cannot fully understand the passage. However, thank you for sharing..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tyna,
      I do not have enouth time to translate my posts in English but I will do it sooner or later.
      Thanks for reading me anyway... and anyhow.

      Elimina
  4. Oh, sì... direi che la questione udita dalla bocca di chi vive in Euskal Herria ha sfumature diverse da quelle dei testi di politica internazionale. Ho un amico di quella zona che non vedo da 20 anni, ma ogni tanto ci sentiamo al cellu... lui parla perfettamente la lingua basca e cioè l'Euskera e ne va davvero fiero.
    Ciao Giovyyyy

    RispondiElimina
  5. La Lingua basca è impossibile ma mi affascina alla grande!

    RispondiElimina

Benvenuto in questo mondo fatto di viaggi e di emozioni.
Siamo tanto felici se ci lasci un commento!
Gli Anonimi non ci piacciano e se ci spammi ti scateniamo contro Torchwood

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...